Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Vittorio Melito:”Se ci salveremo, sarà grazie alla nostra autodisciplina, non certo per la competenza della ASL nella gestione dell’emergenza”

redazione

Pubblicato

-

Queste le considerazioni del magistrato arianese Vittorio Melito, già sindaco di Ariano Irpino, dopo il comunicato diffuso stamane da Carmine Grasso, medico dell’Ospedale Frangipane.

L’intervento di Carmine è, come sempre, lucido e puntuale: potrebbe bastare condividerlo. Ma l’occasione si presta a qualche riflessione ed alla puntualizzazione di alcuni interrogativi, con il rischio di qualche ripetizione. Il 15 marzo Ariano fu dichiarata zona rossa perché c’erano 21 contagi, originati dalla festa che mai nessuno ha detto ufficialmente quando e dove è stata fatta, né – come invece si fece nel Vallo di Diano per la funzione con il calice unico per tutti i fedeli – i partecipanti sono mai stati invitati ad autosegnalarsi per facilitare la vigilanza. Dopo cinque settimane abbiamo 22 deceduti, più degli iniziali contagiati, che sono aumentati del 700 %. Oggi 18 aprile, leggiamo che sarà effettuato uno screening di massa, con test sierologici forse non validati dal Ministero, che accerteranno eventuali soggetti che hanno formato gli anticorpi. L’attività di screening era prescritta già con l’ordinanza presidenziale del 31 marzo. I positivi dovranno essere sottoposti a tampone: se saranno molti, non si farà in tempo ad avere i risultati dei tamponi entro lunedì e la zona rossa sarà prorogata? Ieri vi è stata una riunione tecnica per programmare il ritorno alla normalità dell’ospedale: hanno partecipato i primari firmatari del documento del 26 marzo? Pare che l’area Covid sarà spostata nell’ala vecchia, con separazione assoluta dei percorsi: era impossibile farlo fin da subito? In queste cinque settimane quanti contagi sono sorti dal territorio e quanti hanno coinvolto sanitari dell’ospedale e loro congiunti? Tra i positivi del centro Minerva c’erano pazienti provenienti dall’ospedale e lì trasferiti, anche per la riabilitazione, non solo in RSA? Andavano monitorati gli operatori sanitari, i conviventi dei positivi, i soggetti fragili. Bastano test rapidi di dubbia affidabilità, dopo più di un mese? Neanche io posso convenire con il presidente della Regione su quanto afferma per Ariano. Il problema ha assunto dimensioni tragiche; l’azione della ASL è apparsa alla popolazione lenta, incerta ed approssimativa, oltre che non divulgata tranne che negli ultimissimi giorni; il recalcitrare di personale all’assegnazione in zona interna sembra tutt’altro che l’aspetto principale. Ci salveremo grazie alla nostra autodisciplina, auspicando che la fase 2 di rilancio dell’ex zona rossa sia improntata a ben altra determinazione di quella dedicata in fase 1 al suo interno: il polso fermo finora è stato usato soltanto per isolarci, non anche per aiutarci.

Attualità

Elezioni Regionali Campania – De Luca stravince, M5S risultato deludente

Federico Barbieri

Pubblicato

-

La legge elettorale per le regionali in Campania è stata emanata nel 2009, poi modificata nell’aprile del 2015, circa un mese prima delle ultime elezioni. Si tratta di un sistema proporzionale a turno unico. (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Referendum Costituzionale – Elezioni Regionali ed Amministrative-Ultima rilevazione dei votanti

redazione

Pubblicato

-

Ad Ariano Irpino alle ore 15,00  di oggi, lunedì 21  settembre 2020, hanno votato: (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Elezioni Regionali – De Luca verso una vittoria schiacciante

redazione

Pubblicato

-

I primi exit poll alle regionali in Campania vedono il governatore uscente Vincenzo De Luca  tra il  54-58%,seguito dal candidato di Centrodestra, Stefano Caldoro con il 23-27%. Invece Valeria Ciarambino (M5s) è al 10,5-14,5%De Luca quindi si avvia a trionfare con una percentuale schiacciante, lasciando dietro i due rivali.

Continua a leggere

Più letti