Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Rocco Cusano OPI (Ordine delle Professioni Infermieristiche):”Non c’e’ tempo, bisogna agire in fretta”

redazione

Pubblicato

-

Personale infermieristico insufficiente e abbandonato a se stesso, privo dei dispositivi di sicurezza, mancanza di tamponi, che sarebbe invece necessario praticare sia al personale medico che paramedico, richiesta di un commissario straordinario, tra le emergenze prioritarie che evidenzia Rocco Cusano, Presidente dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Avellino.

È arrivato il momento di dire che siamo di fronte ad un problema serio che richiede comportanti responsabili da parte di tutti e un cambiamento radicale delle abitudini di vita. Senza l’aiuto e la collaborazione di ogni cittadino diventerà molto più difficile contrastare la diffusione del virus.

Così si è espresso il Governatore De Luca rivolgendosi ai cittadini campani.

Da parecchi giorni ormai, sono in vigore per tutte le strutture sanitarie a livello nazionale, i protocolli e le direttive impartite circa il trattamento e la gestione dei pazienti per il quali si sospetta il contagio da Coronavirus.

Poi accade che, proprio in una struttura sanitaria, leggi P.O. di Ariano Irpino, si registrano comportamenti omissivi e negligenti tali, da compromettere il risultato della prevenzione che il sistema vuole perseguire e raggiungere. Comportamenti aggravati dall’assoluto abbandono del personale infermieristico, privo delle appropriate indicazioni sul da farsi: un comportamento che sa molto di impreparazione da parte degli organi dirigenziali. Si pensi che l’incidenza contagiati in rapporto alla popolazione, in Irpinia è la più alta della Regione Campania. Si registra inoltre, che il rapporto contagiati in Ariano Irpino rispetto a tutta la provincia di Avellino, è di 41/59. Sono immancabilmente quelli che operano in prima linea a farne le spese: diversi operatori sanitari, medici, infermieri ed OSS al P.O. Frangipane di Ariano Irpino, risultano positivi sintomatici, e sono pertanto in quarantena, oppure, quelli meno fortunati, ricoverati. Si lamenta ancora una volta l’assenza di ogni tutela: mancano per cominciare, i necessari e corretti dispositivi di protezione individuali, per cui ognuno si comporta secondo i propri intendimenti.”

Vista la positività al virus di alcuni operatori sanitari che lavorano nelle strutture sanitarie, si rende opportuno eseguire tamponi a tutti i pazienti degenti e al personale sanitario che vi opera, per far sì che gli stessi non siano portatori sani, allargando di fatto il rischio di diffondere il contagio.

Si rende necessario e urgente bonificare non solo alcuni ambienti, ma l’intero plesso ospedaliero Frangipane di Ariano: per salvaguardare l’incolumità dei cittadini e degli operatori sanitari. È necessario assumere personale infermieristico, anche attingendo da graduatorie in essere e non solo per la durata di questa emergenza, ma con contratti a tempo indeterminato, vista la atavica carenza organica dovuta agli innumerevoli pensionamenti.

Si rende necessario il servizio SEP (Epidemiologico) che non riesce a far fronte alle chiamate dell’utenza, che ha necessità di comunicare di essere sintomatica.

Un pensiero va a tutto il personale del 118, che svolge un lavoro encomiabile, pur avendo contratti di precariato, che si rinnovano di proroga in proroga, ormai da anni.

Un plauso va ai colleghi infermieri e al personale tutto dell’A.O.S.G. Moscati di Avellino che, in queste ore, stanno gestendo l’emergenza sanitaria arianese.

L’O.P.I. – l’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Avellino, fa proprio l’invito al senso di responsabilità di ognuno, concludendo con le parole dal Governatore della Campania: “Non tutti hanno capito che la situazione è seria: E senza la responsabilità di ognuno può diventare drammatica”.

Si rende allora necessaria l’adozione di provvedimenti straordinari e urgenti, come straordinaria e urgente è la situazione: occorre approntare un piano per il potenziamento del personale, con gli strumenti messi a disposizione dagli ultimi DPCM, nonché aumentare i posti di Terapia Intensiva ad Ariano, dove ce ne sono soltanto 8, magari attingendo alle Cliniche Private. In queste ultime, alcuni colleghi infermieri hanno espresso la loro disponibilità ad effettuare turni a supporto delle strutture pubbliche, che gestiscono l’emergenza COVID-19. In questo drammatico scenario, si rende infine necessaria la nomina di un commissario straordinario che sappia dare tempestive ed adeguate risposte, prima che il tempo renda inutile qualsiasi soluzione. La necessità prioritaria è fare presto e bene, unica strada per non sprofondare.

Attualità

Antonio Bianco sul voto alle regionali “De Luca : ti piace vincere facile”

Antonio Bianco

Pubblicato

-

Una valanga di voti consente a De Luca di governare per altri 5 anni la Campania, quasi il 70% degli elettori ha gradito il suo operato mentre la partecipazione al voto è stata del 55% degli aventi diritto. La sua fama di giullare unita alle 15 liste collegate hanno reso la partita senza storia e, parafrasando una nota pubblicità, potremmo dire:De Luca ti piace vincere facile. Forse sorgeranno deiproblemi nella ripartizione degli incarichi, sicuramente troverà la giusta soluzione individuando la poltrona nel sottobosco degli enti regionali. È innegabile che il Covid 19 ha offerto a De Luca un assist alla Pirlo ed ha messo la sordina a chi, prima del lockdown, non voleva riconfermarlo come candidato alla presidenza della Regione. Molti hannostorto il naso sul fiume di denaro elargito ai cittadini Campani, in altri tempi sarebbe stato considerato un voto di scambio. Invece è stata una risposta tempestiva ai bisognireali innescati dalla Pandemia che ha azzerato il reddito dei lavoratori e delle imprese a causa del prolungato lockdown. I problemi non possono essere affrontati con pannicelli caldi. In Campania il 40% della popolazione è a rischio povertà, mentre più del 20% delle famiglie vivono di lavoro precario, sottopagato senza alcuna tutela. Nei cinque anni di governo di De Luca i diritti di cittadinanza non sono affatto migliorati. Siamo il territorio più povero dell’intera Europacon il reddito pro-capite che è la metà di quello del Nord. La disoccupazione, in particolar modo quella femminile, è a livelli inaccettabili e provoca la fuga dei giovani laureati,arruolati nella corte delle Regioni del Nord o dei Paesi esteri. I trasporti pubblici locali sono merce rara ed il cittadino si affida prevalentemente ai mezzi privati, ne risente la qualità dell’aria e la salute delle persone nonché il già disastrato bilancio del Sistema Sanitario Regionale. Oltre a ciò vanno sottolineate le vane promesse di risanamento ambientale tante volte sbandierate da De luca e mai mantenute. Il sito di stoccaggio di Taverna del Re contiene venti milioni di ecoballe, tra i Comuni di Giuliano e Villa Literno, una bomba ecologica mai bonificata esposta agli atti vandalici delle persone che potrebbero appiccare il fuoco alle balle e devastare, ancor di più, la terra dei fuochi.Senza dimenticare la cronica emigrazione sanitaria verso le Regioni del Nord per mancanza di strutture e posti letto. Non basta la comunicazione snella intrisa di battute ad effetto, la Campania è una zona sottosviluppata dell’UE. Conseguenza diretta delle insufficienti risorse finanziarie ripartite dallo Stato Centrale con il criterio della spesa storica e della politica, dei due pesi e due misure, praticata dai Governi da almeno un ventennio che avvantaggia le Regioni del Nord e penalizza i nostri territori, incluso il Sud.

Occorre rimettere in capo allo Stato Centrale alcune materie come, ad esempio, l’Istruzione, la Sanità ed i Trasporti e riformare il titolo V della Costituzione al fine di assicurare a tutti identici diritti. La presenza delle 20 piccole Patrie incarnate dalle Regioni ha mostrato tutti i suoi nefasti aspetti durante la Pandemia. Mai come ora è indispensabile l’Unità e la coesione Nazionale senza delle quali lo slogan “mai più ultimi”, di deluchiana memoria, sarà un vaticinio che non darà dignità ai Campani considerati stranieri in Patria (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Emergenza Covid – I dati aggiornati

redazione

Pubblicato

-

Coronavirus in Irpinia. Positivi al COVID19 i tamponi naso-faringei effettuati su 9 persone: (altro…)

Continua a leggere

Attualità

La Regione Campania emana l’ Ordinanza n. 75 con successivo chiarimento ed integrazione

redazione

Pubblicato

-

Con Ordinanza della Regione Campania n. 75 del 29 settembre 2020 e successivo chiarimento n. 34 del 29 settembre 2020, vengono emanate ulteriori disposizioni in materia di prevenzione del rischio di contagio da COVID-19, rivolte all’esercizio delle attività connesse a cinema, teatri e spettacoli dal vivo, ristorazione e bar, wedding e cerimonie. (altro…)

Continua a leggere

Più letti