Mettiti in comunicazione con noi

Cultura Eventi e Spettacolo

Quasi un diario: il coraggio di mettersi a nudo

redazione

Pubblicato

-

Indole, ambiente socio-culturale e familiare, così come il luogo in cui si nasce e, soprattutto si cresce, caratterizzano profondamente la formazione della personalità. E così, isola del desiderio e del ritorno, è l’aspra e mitica Sardegna, terra di origine di Giovanni Murineddu, Nino per gli amici, che incornicia nei suoi affascinanti paesaggi, brevi racconti, componimenti poetici, desideri, pensieri, del suo intenso vissuto. In Quasi un diario, che potrebbe definirsi “emozioni in versi e prosa”, l’autore supera la sua scorza difensiva e si racconta mettendosi a nudo nei sentimenti. Non si può tracciare un confine netto tra poesia e prosa, poiché, come ben descrive nella prefazione Alma Daddario: “la poesia è uno stato d’animo, un atteggiamento mentale insito nell’autore, è nel suo osservare e vivere, osservare e conservare, osservare e scrivere, scrivere e rimandare emozioni”. Nino Murineddu “giustifica” l’insopprimibile esigenza di leggere e scrivere, come una necessità vitale, irrinunciabile. La scrittura è utile per “leggersi dentro, per riafferrare sentimenti ed emozioni non estinte, per ripercorrere con la saggezza o la malinconia del poi, ciò che ha attraversato la propria esperienza umana richiamandola al presente storico, per porsi domande sul perché e sul come siamo o vorremmo essere al mondo. In questo senso è uno strumento formidabile di autoanalisi, di rappresentazione e di filtro delle vicende di cui siamo stati spettatori distratti o consapevoli”. Murineddu ci raccomanda di interpretare le sue brevi, ma vivide composizioni, come “quadretti di vita di un uomo normale, in cui persone, cose e pensieri, ricompaiono come fantasmi buoni o inquietanti, utili a suggerire che niente è perduto, se hanno fatto vibrare le corde più intime del nostro essere al mondo”. Gli stati d’animo e le emozioni che erraticamente ci ripropone, sono quelli che hanno lasciato un segno, una memoria alla contemporaneità, ma sono anche riflessioni e domande universali, come ne Il gabbiano: Se potessi per alcun tempo popolare la mente del gabbiano/capirei il mistero che governa il mondo/ e quanto la sua natura mi somiglia. L’essenza profonda del protagonista, uomo di grande sensibilità, artista poliedrico, generoso e appassionato, che ha profuso il suo impegno in politica e nella società, con eccellenti risultati, si coglie anche in, Lezione di stile: A diciott’anni non sapevo ancora come orientare il voto nella scheda/ impegnato com’ero, per dovere di figlio,/ a portare un contributo alla famiglia/ e proseguir gli studi già avviati. / Su segnalazione d’un amico/ venni assunto per tre mesi soli/ nell’aeroporto Onu in costruzione./ Una settimana prima della fine/ il generale mi chiamò da parte: – Se mi crepi domani, disse, asciutto devo farti risultare assicurato:/ per un testa di cazzo non voglio trovarmi in imbarazzo con quelli dell’ufficio provinciale.-/ L’insulto era scontato in quell’ambiente/aduso ad offendere la gente/per imporre il prestigio della classe./ La supponenza dà misura al rango e distingue il poveretto dal potente./ I tempi sono cambiati forse un poco/ lo stile di volere comandare/, da allora mi ha insegnato una volta per tutte/ nella vita da che parte stare.

Breve scheda dell’autore Giovannni Murineddu, vive a Tempio Pausania, si è laureato in Sociologia a Roma, è stato docente e dirigente scolastico e senatore della Repubblica. È autore di scritti di storia economica e sociale e dello studio monografico su Adolescenti e vissuto quotidiano. Ha scritto i romanzi: L’agabbadora-la morte invocata, Monti di deu, addio!, Il segreto della conca murata, Ombre di due mondi. Ha pubblicato le sillogi poetiche Sotto le stelle e, con ChiPiùNeart, Elegie ed altro.

Giovanni Murineddu

Quasi un diario

ChiPiùNeart Extravaganti

Pagg.76 €10

Floriana Mastandrea

Attualità

ArianoFolkFestival – Annullata l’edizione del 2020

redazione

Pubblicato

-

L’Associazione Red Sox comunica di essere giunta, dopo una breve ma sofferta valutazione, alla decisione di annullare il 25° Ariano Folkfestival in programma ad Ariano Irpino dal 19 al 23 agosto 2020, a causa della pandemia da Covid 19 che sta colpendo l’intero globo e che purtroppo è in continua e drammatica evoluzione. (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Occhi bianchi sul pianeta terra

Lello Castagnozzi

Pubblicato

-

Siamo a un mese esatto dal primo decreto del governo. Non so a voi, ma a me sembra un (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Covid-19 Cosa ci dice questo virus, su natura, sostenibilità e alimentazione?

Giuseppina Buscaino

Pubblicato

-

Questo virus ci sta dicendo che non possiamo fare tutto quello che vogliamo, perché non siamo poi così potenti: non (altro…)

Continua a leggere

Più letti