Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Neanche il Covid-19 ferma la 38esima Giornata Internazionale della danza

Carina Carmen Graniero

Pubblicato

-

 

Sarà sicuramente inusuale questa 38esima edizione della Giornata Internazionale della danza, celebrata da casa, a causa dell’emergenza Covid-19. I danzatori, nonostante si siano trovati per la prima volta dal lontano 1982, anno di creazione dell’evento, in questa situazione in cui non hanno un luogo per esprimersi, a seguito della chiusura dei teatri e delle Accademie, si sono uniti virtualmente per creare un programma da seguire online per la ricorrenza.

La danza è la prima forma di espressione artistica, sorella della musica, che a differenza di essa, necessita di uno strumento per esprimersi. Nasce dal movimento del corpo, sulla base di un ritmo interno. Le sue origini risalgono già all’Antica Grecia, durante le feste dedicate alle divinità, successivamente parte integrante del teatro. Nella tragedia, era portata avanti dal coro, che si esprimeva cantando e danzando, infatti dalla parola κόρος che deriva da κορέυο, danzare, e dallo stesso verbo, oggi derivano alcuni termini, come coreografia.

Il 29 aprile, è il giorno in cui si celebra la nascita del balletto moderno, grazie a Jean-Georges Noverre, ballerino e coreografo nato il 29 aprile del 1727, innovatore prima alla corte di Luigi XV e poi a Berlino, Strasburgo, Lione, Vienna, Stoccarda, fino a tornare nella sua Parigi, richiamato da Marie Antoinette, che lo nominò Maître de ballet dell’Opéra. Ed è per questo che da 28 anni, questo è il giorno in cui in tutto il mondo si festeggia la danza e i suoi protagonisti.

Per festeggiare l’appuntamento mondiale promosso dall’International Dance Council dell’UNESCO, quest’anno è dedicato alla divina Prima Ballerina Alicia Alonso, scomparsa il 19 ottobre scorso a l’Avana, capitale di Cuba.

In Italia, per l’evento, ci saranno diverse iniziative: Eleonora Abbagnato, direttrice del corpo di ballo del Teatro dell’Opera di Roma, regalerà in mattinata una lezione da Ibiza, dove sta trascorrendo la quarantena con la sua famiglia. Durante il pomeriggio, invece, ci si sposterà virtualmente alla Scala di Milano, dove, a partire dalle 14:00, i ballerini faranno una diretta Facebook, guidati da Frédéric Olivieri, direttore del Corpo di Ballo.

In conclusione, stasera alle 20:55, con replica alle 24:00, su Rai 5, andrà in onda la prima edizione di “1 meter closer” (1 metro più vicino), una risposta al bisogno di esprimersi con il corpo, che arriva da Aterballetto, Fondazione nazionale della danza.

In nome della forza del corpo della danza in “cattività” che si manifesta in un caloroso abbraccio virtuale, si susseguiranno danzatori da Milano, guidati dal coreografo Diego Tortelli, da Torino, guidati dalla regista video Valeria Civardi e da Londra, con il musicista Federico Bigonzetti.

Ballare ha molti effetti positivi, sia sul corpo che sullo spirito di chi la pratica; recenti studi hanno dimostrato che la danza oltre a rinforzare muscoli e a tenerci in forma, sia un’ottima medicina per la salute cognitiva, in quanto stimola le endorfine e quindi dona benessere. Inoltre, risulta essere anche un buon antidepressivo, oltre a migliorare la capacità di relazionarsi e socializzare. Insomma danzare è una delle vie che portano alla felicità!

Attualità

Covid in Irpinia-6 casi oggi in provincia

redazione

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 484 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID 6 persone: (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Ciampi(M5S) :Alto Calore, la Regione dia seguito agli impegni presi. La maggioranza firmi la mia mozione

redazione

Pubblicato

-

Ho depositato una mozione al presidente del (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Covid in Irpinia-6 persone positive oggi in provincia

redazione

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 442 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID 6 persone: (altro…)

Continua a leggere

Più letti