Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Modello Corea del Sud applicato al Sud

Federico Barbieri

Pubblicato

-

Un microscopico e sfacciato virus ha messo in atto cambiamenti che, probabilmente, segneranno un’epoca. Segneranno tutti noi per sempre.

Le polemiche faziose, quelle con rivestimenti di legittimità, trovano linfa nella ‘globale’ possibilità che la tecnologia permette. Con la stessa ‘fame’’ del Covid-19, siamo tutti in grado di sostituirci a legislatori, diventiamo tutti competenti nella difficile mansione delle scelte. Ma non è proprio così. Il modello di terapia contro il virus che virulenta sui media, è quello messo in atto nella Corea del Sud. La Corea del Sud è la patria dell’arte marziale Taekwondo, del brand Samsung. Così, per chiarezza. Dicevamo del Modello. Per quanto è dato sapere, ogni valutazione si basa sui pochi dati che pervengono dal sud della penisola coreana, oltre che dal modo in cui è stata affrontata l’infezione da MERS nel 2015: senza kit diagnostici e con pochissimi DPI. Senza poter assistere adeguatamente i malati. Su una popolazione di poco più di 51 milioni di abitanti, circa 9.000 sono, al 16 marzo, i casi positivi di cui 109 decessi e 1.137 dimessi dagli ospedali. Messa così viene da pensare che da qualche parte ci sia una bacchetta magica. La Repubblica semi-presidenziale di Corea, capitale Seul (circa 11 milioni di abitanti) ha modificato totalmente i protocolli sanitari: nel 2016 ha sperimentato la tenuta della modifica causa la febbre Zika. Contro il Covid-19 è stato predisposto: – la verifica con migliaia di test al giorno (circola voce che siano 20 mila quotidiani) ed elaborati nelle centinaia di cliniche entro 24 ore al massimo. Il test è gratuito se positivo. In caso contrario, è a pagamento; – niente zone rosse, incentivata la comunicazione e la partecipazione dei cittadini, confidando sulla disciplina. – tracciabilità degli spostamenti grazie a cellulari, bancomat, videocamere. Quindi invasione della privacy.

Semplice, verrebbe da dire. Certo. Nei piccoli paesini che spruzzano le colline Irpine come casette del presepe sarebbe possibile contenere il contagio, evitando le occasioni. Eppure qualche pecorella, nera o tinta di altro colore, si distingue per l’insofferenza. Nel Sud comunque sarebbe possibile nelle Comunità con ridotta densità abitativa. Ma non ci sono sufficienti kit diagnostici, pochissimi sono i laboratori attrezzati e autorizzati. E, infine, la ‘’libertà’’ dei nostri concittadini, cozza contro la disciplina, che farebbe accettare la tracciabilità violando (= rinunciando) la privacy. A Paternopoli, a Fontanarosa, a Villamaina, come a Castelfranci o Guardia dei Lombardi o Montemarano, o Castelvetere sul Calore, diciamo un’unica cosa che potrà salvare la loro vita: Irpini, restate in casa. Restate in casa e potrete salvarvi e salvare altre vite!

Attualità

Dichiarazione dell’on. Aldo Cennamo, commissario provinciale del Pd di Avellino

redazione

Pubblicato

-

La tempestività della nomina della giunta regionale, da parte del presidente De Luca, risponde all’esigenza di avere da subito nella piena operatività il governo regionale. Tempestività che risulta ancora più necessaria di fronte ai problemi urgenti da affrontare, primo fra tutti quello della tutela della salute dei cittadini di fronte al pericolo della diffusione di una nuova pandemia. (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Emergenza Covid19 – Altri 15 casi in provincia di Avellino

redazione

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria Locale comunica che sono risultati positivi al COVID 19 i tamponi effettuati su 15 persone: (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Noi Campani, giunta De Luca di alto profilo

redazione

Pubblicato

-

Noi Campani Avellino, il movimento di Mastella, si dichiara soddisfatto per la nomina di Felice Casucci, professore ordinario dell’Università degli Studi del Sannio, ad assessore regionale al turismo e alla semplificazione amministrativa.

(altro…)

Continua a leggere

Più letti