Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Luparella e la battaglia per il Tribunale :”Non servono polemiche per rilanciare la vertenza Tribunali”.

redazione

Pubblicato

-

Marcello Luparella ex delegato O.U.A.(Organismo Unitario dell’Avvocatura), interviene sulla vicenda della gestione per la riapertura dei tribunali. Di seguito il suo intervento in risposta alla nota di Giovanni Maraia di Ariano in Movimento:

“Il movimento politico Ariano in Movimento continua a fare disinformazione sul Tribunale, questione estremamente seria e che come tale merita di essere affrontata seriamente.

Ed allora, siccome in questa fase resta prioritario il confronto consapevole e non la preconcetta contrappoSizione, è il caso di precisare: a) le critiche all’operato della Commissione comunale sono fuori luogo, visto che quella Commissione si è appena insediata (il 16 ottobre scorso) e quindi non ha sostanzialmente ancora cominciato ad operare; b) il Tribunale di Larino (CB) si è salvato solo grazie alla “regola del 3″, introdotta surrettiziamente da qualche politico un po’ più bravo (impresa non molto difficile) di quelli che avevamo noi all’epoca della legge delega, e che stabilisce che iogni Corte d’Appello (segnatamente quella di Campobasso) debba avere almeno 3 Tribunali; c) il ricorso alla Corte Costituzionale da parte delle Regioni non è ammesso ad libitum, ma deve essere proposto entro 60 gg. Dalla pubblicazione della legge. Nel caso di specie, visto che la legge da impugnare era la legge delega, pubblicata il 14 settembre 2011, l’impugnativa andava proposta entro il 14 novembre 2011, sicchè l’invito rivolto a Caldoro nel luglio 2012 ed alla Commissione Comunale (!) oggi è pura DEMAGOGIA; d) la legge di riforma della geografia giudiziaria è stata giá portata all’esame della Corte Costituzionale, su iniziativa di singoli avvocati e COA coordinati dall’OUA. L’udienza si è tenuta il 2 luglio 2013 e la Consulta, contraddicendo se stessa, benchè i motivi di incostituzionalitá fossero evidenti e benchè decisioni successive ne abbiano confermato la fondatezza, ha ritenuto incredibilmente di rigettare il ricorso; e) sempre su iniziativa dell’OUA e dell’avv. Monica Bernardoni di Pinerolo pende oggi altro ricorso alla Consulta, con il quale tra l’altro la Corte è chiamata a giustificare numerose incongruenze e contraddizioni della sentenza del 2 luglio 2013; f) la questione della legge sulla montagna è stata sollevata come motivo di illegittimitá costituzionale dal COA di Sulmona, e la Corte, sempre il 2 luglio 2013, la ha rigettata; g) tra l’altro tale questione (legge sulla montagna) è effettivamente infondata, perchè una legge successiva di pari rango (riforma g.g.) ben può derogare ad una legge precedente (legge sulla montagna) o modificarla”.

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

COVID: UECOOP, SALTO IN ZONA BIANCA VALE 1 MLN POSTI DI LAVORO

redazione

Pubblicato

-

Da matrimoni a spettacoli, da palestre a centri wellness la ripartenza dopo il crack (altro…)

Continua a leggere

Attualità

COLDIRETTI AVELLINO, AL VIA VACCINI TRA AGRITURISMI E CANTINE

redazione

Pubblicato

-

Irpini pronti a vaccinarsi in centri realizzati all’interno delle strutture agricole. Oggi il taglio del nastro a Montoro, presso l’azienda multifunzionale GB Agricola, che produce l’apprezzatissima cipolla ramata, prodotto agroalimentare di eccellenza e fiore all’occhiello del territorio. Il centro vaccinale, nato grazie alla disponibilità dell’ASL di Avellino, è stato ubicato all’interno dell’agriturismo dell’azienda guidata da Nicola Barbato. Da martedì apertura di un altro centro vaccinale presso il Radici Resort della storica azienda vitivinicola Mastroberardino a Mirabella Eclano, per poi proseguire – compatibilmente con la disponibilità di personale sanitario e vaccini – in altre strutture che la Coldiretti Avellino ha già messo a disposizione. (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Consiglio Comunale del 12 giugno. Il punto di Federico Barbieri

Federico Barbieri

Pubblicato

-

Il “documento unico di programmazione” è previsto nel corpo dell’art. 150 del TUEL, all’interno della parte II dedicata all’ordinamento finanziario e nell’articolo 151, che reca nella rubrica “principi generali”. Quest’ultimo articolo afferma: “1. Gli enti locali ispirano la propria gestione al principio della programmazione. A tal fine presentano il Documento unico di programmazione entro il 31 luglio di ogni anno. […] Le previsioni del bilancio sono elaborate sulla base delle linee strategiche contenute nel documento unico di programmazione”.
Dal tenore della disposizione si intende che il DUP precede (non solo temporalmente) il bilancio di previsione. Possiamo affermare (come accadeva per la relazione previsionale e programmatica) che il DUP contiene la visione complessiva dell’amministrazione, espressa attraverso le “politiche” e i progetti, mentre il bilancio di previsione è “soltanto” la rappresentazione dei flussi finanziari in entrata e in uscita.
(altro…)

Continua a leggere

Più letti