Lo storage intelligente è una priorità per tre aziende su quattro Reviewed by Momizat on . Un’indagine del vendor specializzato in soluzioni per l’archiviazione software-defined ha svelato che nel 2015 il 52% delle organizzazioni contano di puntare su Un’indagine del vendor specializzato in soluzioni per l’archiviazione software-defined ha svelato che nel 2015 il 52% delle organizzazioni contano di puntare su Rating: 0
You Are Here: Home » News » Lo storage intelligente è una priorità per tre aziende su quattro

Lo storage intelligente è una priorità per tre aziende su quattro

Lo storage intelligente è una priorità per tre aziende su quattro

Un’indagine del vendor specializzato in soluzioni per l’archiviazione software-defined ha svelato che nel 2015 il 52% delle organizzazioni contano di puntare su queste tecnologie. I budget destinati a innovazioni per i Big Data, l’Object Storage e OpenStack sono ancora bassissimi, mentre quasi tre aziende su quattro (72%) stanno facendo investimenti importanti sull’Sds.

Le aziende vogliono rendere più efficiente, economico e “intelligente” il loro storage, ma spesso non sono disposte a investire nelle tecnologie necessarie per questa evoluzione. C’è molto interesse ma anche un approccio contraddittorio nei confronti del software-defined storage (Sds), tema su cui DataCore ha qualcosa da dire: secondo l’ultima edizione del suoannuale sondaggio, il 52% delle aziende intende puntare sull’archiviazione definita dal software già nel 2015. La percentuale è però derivata su un campione già “propenso” verso l’Sds, cioè composto di 477 professionisti It di da Nord America, Sud America, Europa e Asia, che lo stanno già utilizzando o che ne stanno valutando l’adozione all’interno della loro azienda.

Più precisamente, questa metà abbondante ritiene che l’Sds possa allungare la vita delle risorse di storage già presenti in azienda e garantire il funzionamento dell’attuale infrastruttura anche in futuro attraverso l’integrazione di eventuali nuove tecnologie. Quanto alla scelta del fornitore, quasi metà degli interpellati cerca nell’Sds la possibilità di non essere vincolati a uno specifico produttore di supporti per l’archiviazione. Cerca, dunque maggiore libertà e flessibilità.

Il principale beneficio associato all’approccio software-defined sta comunque nell’automazione delle operazioni più frequenti o complesse, e quindi nella conseguente più semplice gestione. DataCore sottolinea come oggi, rispetto ad analoghi sondaggi svolti in passato, i benefici economici legati ai minori acquisti di nuovo hardware siano più chiari nella mente dei professionisti It, accanto ai risparmi sulle spese operative già evidenziati negli scorsi anni.

Dall’indagine sono anche emersi un paio di elementi inaspettati. Per alcuni “temi caldi” del momento, come i Big Data, l’Object Storage e OpenStack, i livelli di spesa previsti quest’anno sono bassissimi. A detta di DataCore, questo deludente risultato può essere parzialmente giustificato“dall’elevato numero di persone che nel corso dell’indagine hanno espresso disillusione”. Tra i risultati sorprende anche il fatto che nel 28% delle aziende interpellate la tecnologia flash sia completamente assente, e che il 16% di chi vi ha fatto ricorso dichiari di non avere raggiunto gli auspicati miglioramenti di performance nella velocità delle applicazioni. Interessante notare, inoltre, che il 21% degli intervistati ha indicato come gli attesissimi sistemi iper-convergenti non abbiano offerto i risultati previsti o non si siano integrati al meglio nelle infrastrutture esistenti.

 

 

Fonte :”ICTBUSINESS”

Scroll to top
ArianoNews (note legali) Testata giornalistica Registrata presso il Tribunale di Ariano Irpino al n°01/13 del Registro Stampa in data 27/02/2013.
© Copyright 2013 - Il materiale pubblicato, pure essendo di dominio pubblico, non può essere utilizzato in nessun modo.
Developing by MarcoDedo.it