Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Io, Arianese in India, vi racconto la mia avventura per rientrare in Italia e vi dico: coraggio!

redazione

Pubblicato

-

Arianese, ma emigrato a Genova fin da giovanissimo, Maurizio Pompeo non ha mai perso il legame con la sua terra d’origine, dove torna spesso per lunghi periodi, soprattutto in estate. Appassionato di filosofia orientale e di viaggi, si reca spesso in India, da dove è rientrato in anticipo e tra molte difficoltà, a causa dell’emergenza coronavirus. Ha scritto: La via obliqua della conoscenza, un’indicazione della strada verso la consapevolezza individuale, e sta lavorando al suo secondo libro, Pare brutto, ma è bello. Maurizio, preoccupato per l’emergenza che sta vivendo la sua Ariano, ci ha fatto omaggio con una lettera:

“Buonadesso, amici e parenti Arianesi: sono Maurizio Pompeo, un vostro compaesano. Sono rammaricato per la vostra assurda situazione e il mio cuore prega per una tempestiva ripresa verso una rinnovata luce. Molti sanno che amo scrivere e viaggiare, e volevo portarvi a conoscenza del mio rientro in Italia a Genova, dove attualmente vivo. Ero in India quando, da un giorno all’altro, il primo ministro indiano Modi, ha dichiarato il lockdown per tutto: negozi alimentari, resort e voli per rientrare in patria. Panico e stress in un attimo hanno avvolto me e mia moglie, che mi aveva raggiunto da poche settimane. Già stavamo vivendo con ansia la situazione italiana, anche se non con le stesse privazioni. Eravamo fortunati a non essere nel momento sbagliato nel posto sbagliato. In India, dovete sapere, chi circola fuori dalle due ore di libera uscita per cercare e elemosinare cibo, non viene multato come in Italia, ma bastonato e persino arrestato. Appena ci siamo accorti che da un giorno di lockdown, si era passati a tre, per poi arrivare a ventuno, abbiamo capito che la situazione stava precipitando. Non potevamo prendere l’aereo, i pullman o i taxi: avevano chiuso i confini di tutti gli Stati. Mia moglie stava anche terminando le medicine salvavita. Il resort ci cacciò da un giorno all’altro, perché Italiani: avevano paura e l’ordine di allontanare i turisti. I ristoranti erano chiusi, sulla spiaggia giravano i poliziotti. Da: “il posto giusto” si era trasformato improvvisamente nel posto sbagliato. Fortuna ha voluto che avessimo fatto amicizia con una coppia di Spotorno e una di Ivrea, che avevano importanti conoscenze. Inoltre, trovammo una comunità che ci ospitava e ci assicurava un pasto al giorno, ovviamente a pagamento. Si aspettava adesso la Farnesina (n.d.r.: Ministero degli Esteri) e l’ambasciata per un volo di rimpatrio. Dopo gli arrivi dei voli per i rimpatri degli Inglesi, Tedeschi e Francesi. finalmente arrivarono i nostri a portarci via dagli Indiani: sembrava un film Western. E vissero felici e contenti la loro quarantena italiana. Ovviamente sono solo pochi giorni che sono in Italia, ma sento un energia di terrore e panico, superiore a ciò che abbiamo vissuto noi in India. Sto terminando un romanzo: “Pare brutto, ma è bello” e son o convinto che tutto ciò che avviene, anche le tragedie più grandi, porterà una ripresa migliore. È sempre stato così e lo sarà anche questa volta. Prevarrà l’essenziale sul superfluo e la consapevolezza di essere anime eterne in corpi provvisori. Un minuscolo e infinitesimale virus, può privarci della nostra libertà e nei casi più drammatici delle nostre esistenze. Fiducia, speranza , ottimismo e positività, sono le armi per eliminare il vero male: la paura, il panico e il terrore. Pertanto, forza e coraggio ad Ariano e alla sua bellissima gente. Buonadesso a tutti. A presto”.

Attualità

Confesercenti: con Michele Pannese, nuovo responsabile del settore Turismo

redazione

Pubblicato

-

Michele Pannese, imprenditore del comparto della ristorazione e della ricezione, è il nuovo responsabile provinciale del settore Turismo della Confesercenti di Avellino. (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Per far correre Milano occorre rallentare Napoli I Proff. Boeri e Perotti rilanciano per l’università la teoria di Tabellini, già rettore della Bocconi

Antonio Bianco

Pubblicato

-

La discussione sull’allocazione dei fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) alle università è animata dai valenti bocconiani Tito Boeri e Roberto Perotti. Sono convinti sostenitori della tesi che tali risorse finanziarie debbano essere, in misura cospicua, assegnate alle migliori università del Nord che incarnano l’eccellenza del mondo accademico italiano, riconoscimento tributato a livello internazionale per la qualificata ricerca attuata in questi atenei e l’elevato standard dei servizi offerti agli studenti. Immediata è stata la risposta di Sandro Staiano, Direttore dal Dipartimento di Giurisprudenza della Federico II di Napoli che ha inviato un documento-appello a Draghi al quale hanno aderito eminenti Costituzionalisti e docenti universitari di tutta Italia.

Tutti i professori e ricercatori che vogliano aderire, possono inviare un messaggio in tal senso, con nome, cognome, Ateneo di appartenenza, a
giuliano.laccetti@unina.it OPPURE a sandro.staiano@unina.it .

I dubbi di incostituzionalità della proposta dei due bocconiani sono molteplici e ben fondati, in quanto il PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) vuole ridurre le evidenti disuguaglianze fra le due macro aree del Paese,causa ed effetto dei pochi denari erogati dallo Stato centrale alle università meridionali, penalizzate dall’adozione del criterio della spesa storica che ha mozzato le gambe alla ricerca e ridotto i servizi agli studenti. Inique disuguaglianze alle quali proprio il PNRR vorrebbe porre rimedio perricreare la coesione tra le due macro aree del Paese. Forse i valenti Professori della Bocconi dimenticano il principio di uguaglianza sancito dall’articolo 3 della Costituzione,nonché l’articolo 34 che riconosce a tutti gli studenti di poter raggiungere i più alti gradi dell’istruzione. Diritti riconosciuti a tutti i cittadini, esercitabili in egual misura e ad ogni latitudine del territorio nazionale, dotando tutte gli atenei di fondi statali sufficienti, inclusi quelli straordinari del PNRR,necessari a ridurre nell’ambito accademico le distanze tra il Nord ed il Sud. Se la tesi dei due bocconiani fosse fatta propria dal Governo Draghi si condannerebbero le università del Meridione ad una vita grama, con la possibilità di svolgere solo l’attività didattica e la probabile prematura chiusura. Se questo Governo è di Unità nazionale non può fondare le sue scelte su tesi discriminatorie o di fantomatica primazia delle università del Nord rispetto a quelle meridionali. Solo a parità di fondi erogati a tutte le università italiane, incluse quelle meridionali, vi può essere una gara vera e leale. La tesi del duo bocconiano Boeri-Perotti deve essere gettata alle ortiche.

Continua a leggere

Attualità

Emergenza Covid in Irpinia-99 persone positive in provincia, 7 casi a Grottaminarda

redazione

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 1.490 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID 99 persone: (altro…)

Continua a leggere

Più letti