Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

In caso di diffamazione, i siti Internet sono obbligati a cancellare i dati

redazione

Pubblicato

-

In caso di diffamazione, siti internet e motori di ricerca dovranno cancellare “contenuti diffamatori” o dati personali della vittima.

Nel caso in cui non si ottemperi all’obbligo il magistrato può comunque disporlo. A prevederlo è l’emendamento di FI al ddl diffamazione approvato in commissione Giustizia Senato che assicura di fatto il “diritto all’oblio”.

Nella norma si dice che, “fermo restando il diritto di ottenere la rettifica o l’aggiornamento delle informazioni contenute nell’articolo ritenuto lesivo dei propri diritti, l’interessato può chiedere ai siti internet e ai motori di ricerca l’eliminazione dei contenuti diffamatori o dei dati personali trattati in violazione” della legge sulla diffamazione. L’interessato, si legge ancora nella norma, “in caso di omessa cancellazione dei dati” può chiedere “al giudice di ordinare ai siti internet e ai motori di ricerca la rimozione delle immagini e dei dati ovvero di inibirne l’ulteriore diffusione”. In caso di “morte dell’interessato, la facoltà e i diritti” della persona oggetto di diffamazione potranno essere esercitati dagli eredi o dal convivente”.

Di fatto, si spiega in commissione, è una delle norme che contribuisce a garantire quel “diritto all’oblio” difeso anche dalla recente sentenza della Corte Ue del 13 maggio 2014.
Passato il principio in commissione, osserva Caliendo, manca però ancora un’intesa sul quantum della sanzione nel caso in cui i siti o i motori di ricerca non ottemperino alla richiesta di cancellazione dei dati da parte dei magistrati. Al momento tra i commissari si starebbe parlando di una cifra che potrebbe oscillare dai 5 ai 25mila euro.

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

Non solo numeri ma diritti negati ai Meridionali

Antonio Bianco

Pubblicato

-

I diritti dei disabili, dei bambini e degli anziani sono messi sotto i piedi. Il report 2018 dell’ISTAT annota l’aumento della spesa sociali dei Comuni che è arrivata a 7 miliardi e 742 milioni. La spesa media italiana si è attestata su 124 euro per abitante mentre al Sud è di 58 euro pro capite ed al Nord-Est di 177 euro. I calabresi ed i campani sono all’ultimo posto con 22 e 56 euro pro capite. Bolzano conduce la classifica con 540 euro.  Solitamente le risorse a disposizione dei Comuni crescono all’aumentare della popolazione. Infatti quelli con più di 50 mila abitanti hanno una spesa media di 165 euro l’anno pro capite mentre quelli con meno di 10 mila abitanti spendono 100 euro. Nel Mezzogiorno i Comuni più grandi impegnano in media 96 euro, importo nettamente inferiore alla spesa media per persona dei piccoli Comuni del Nord che è pari a 119 euro. Disuguaglianze che si aggravano e rendono sempre più stridente le differenze socio-economiche tra Nord e Sud senza che alcun ponga il freno al deteriore trattamento dei cittadini meridionali. (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Emergenza Covid in Campania-De Luca chiude le scuole dal 1 marzo

redazione

Pubblicato

-

Vincenzo De Luca ha annunciato la (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Emergenza Covid in Irpinia-Sale il numero dei contagiati in provincia, 7 casi ad Ariano

redazione

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 1.221 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID 104 persone:

– 3, residente nel comune di Aiello del Sabato;

– 2, residente nel comune di Andretta;

– 7, residente nel comune di Ariano Irpino;

–  5, residenti nel comune di Atripalda;

– 5, residenti nel comune di Avella;

–  10, residenti nel comune di Avellino;

–  2, residenti nel comune di Bisaccia;

– 3, residenti nel comune di Bonito;

–  4, residenti nel comune di Calitri;

– 1, residente nel comune di Capriglia Irpina;

–  2, residenti nel comune di Castel Baronia;

– 1, residente nel comune di Castelfranci;

– 3, residenti nel comune di Contrada;

–  3, residenti nel comune di Lapio;

–  4, residenti nel comune di Lioni;

– 2, residenti nel comune di Mercogliano;

– 7, residenti nel comune di Montefalcione;

– 2, residenti nel comune di Monteforte Irpino;

–  4, residenti nel comune di Montefredane;

– 2, residenti nel comune di Montella;

– 4, residenti nel comune di Montemiletto;

– 8, residenti nel comune di Montoro;

– 2, residenti nel comune di Mugnano del Cardinale;

– 3, residenti nel comune di Prata P.U.;

– 1, residenti nel comune di Pratola Serra;

– 1, residente nel comune di Roccabascerana;

– 1, residente nel comune di Sant’Angelo dei Lombardi;

– 8, residenti nel comune di Solofra;

–  1, residente nel comune di Sperone;

– 1, residente nel comune di Torre Le Nocelle;

– 2, residenti nel comune di Vallata.

L’Azienda Sanitaria Locale ha avviato indagine epidemiologica sui contatti dei casi positivi.

(altro…)

Continua a leggere

Più letti