Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Il PNRR: risorsa o beffa per Il Mezzogiorno?

Antonio Bianco

Pubblicato

-

Soldi, soldi, tanti soldi in arrivo con il PNRR e le altre misure previste dall’UE e dallo Stato centrale per risollevare dalle sabbie mobili il sottosviluppato Mezzogiorno. Duecento miliardi sbandierati da Mara Carfagna, Ministra per il Sud e la coesione territoriale, con i quali potremmo costruire ponti d’oro e strade lastricate di diamanti. Soldi che, se fossero spesi entro il 2026, rimetterebbero in rete le inespresse potenzialità della colonia Sud adibita a magazzino di extra lusso dal quale il Nord bulimico estrae personale altamente qualificato e drena 64 miliardi annui. Chi spenderà i 200 e passa miliardi se nei Comuni Meridionali la pianta organica è ridotta all’osso? Chi coordinerà i vari interventi sui territori comunali integrandoli con la rinascita dell’intera macro-area? Domande, sin ora, senza risposta che pongono seri dubbi sulla concreta possibilità di spendere le immense risorse destinate al Meridione.

L’assunzione a tempo determinato di 2800 persone specializzate è la goccia nel mare in quanto mancano almeno 5 mila unità per avviare al minimo la macchina amministrativa degli enti locali del Sud. Motivo per il quale la Carfagna ed il governo di presunta Unità Nazionale hannogiustificato la riduzione dei fondi del PNRR dal 70% (stabilito dall’UE e parametrati al basso reddito, all’elevata disoccupazione ed alla popolazione rispetto al Nord) al 40%, operando un ulteriore scippo ai danni dei cittadini meridionali. Un quadro dalle tinte fosche che potrebbe far presagire a consuntivo lo spostamento dei denari non spesiverso i territori del Nord dotati di adeguato personale e servizi efficienti. Le spregevoli disuguaglianze sociali resterebbero invariate, aggravate dal fatto che, sin tanto chenon saranno definiti i fabbisogni standard ed i Livelli essenziali delle Prestazioni (LEP) non potranno essere garantiti a tutti i cittadini italiani servizi identici, per natura e qualità, così come prescrive la Costituzione italiana. Nel contempo si continuerebbe con la spesa storica a drenare risorse finanziarie destinandole al Nord dotato di molteplici ed efficienti servizi, depauperando ulteriormente il tessuto sociale ed economico del Sud. Ora o mai più si potrannoriavvicinare le due Italia, diversamente il Sud resterà lacolonia depredata dal famelico Nord.

Attualità

Covid in Irpinia – 13 persone positive in provincia, ecco dove

redazione

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 265 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID  13 persone: (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Ariano Irpino – In vigore l’orario della ZTL fino al 31 agosto 2021

redazione

Pubblicato

-

Si informa la cittadinanza che dalla data odierna e fino al 31 agosto 2012, è in  vigore la ZTL – Zona Traffico Limitato  -nel Centro Storico di Ariano, lungo Via D’Afflitto e Via Vinciguerra (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Incontro con l’Assessore Regionale Casucci:” Non è tempo di piangerci addosso”

redazione

Pubblicato

-

Il giorno lunedì 2 agosto si è tenuto presso il Palazzetto dello Sport di Ariano Irpino l’incontro “Programma di percorsi turistico-culturali, naturalistici ed enogastronomici per la promozione turistica della Campania – POC Campania 2014/2020” alla presenza dell’Assessore al Turismo della Regione Campania Prof. Felice Casucci. (altro…)

Continua a leggere

Più letti