Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Il motore del progresso ha fuso mettendoci di fronte alla nostra fragilità: rivalutiamo l’essenziale

Maurizio Pompeo

Pubblicato

-

Il motore del progresso è andato su di giri ed ha fuso. Dovremmo pertanto ridimensionare la velocità, rallentando. Curare di più gli aspetti umani: rapporti quotidiani con i figli, i genitori, fratelli e amici, ciò che ora siamo costretti a fare. Per rimettere in sesto il motore, occorrerà umiltà, tolleranza, rispetto e, soprattutto, rivalutare l’essenziale a scapito del superfluo. Rivalutare i piccoli spazi, i rari contatti e i valori antichi, saranno i pezzi essenziali, per il nuovo modo di vedere un motore ripartire. Se pensate che un ingranaggio di questo motore, grande come una milionesima parte di una punta di un capello, può bloccare l’umanità e addirittura l’esistenza di una vita, pensate a quanto siamo fragili e provvisori. Solo la consapevolezza di essere un’anima infinita e illimitata, potrà ridarci un luminosa fiducia.
L’epoca che stiamo vivendo, si può definire come l’ “era del ferro”, di cui mi sono occupato ne: La via obliqua della conoscenza. A tal proposito, vi propongo pertanto un breve passaggio tratto dal mio libro. Infine la quarta era, il Kali – Yuga, la cui durata è di 432.000 anni, è l’epoca in cui viviamo oggi, l’era del ferro, iniziata circa cinquemila anni fa. In questo tempo il degrado è rapido e continuo, come enormemente ridotta è la durata della vita in confronto alle ere precedenti: circa cento anni.
Materialità e spiritualità convivono nello stesso individuo, costringendolo a una lotta interiore senza fine.
Queste informazioni tratte dai testi vedici per informare e incuriosire voi lettori, mi inducono a fare le valutazioni che ora esporrò.
La Terra non ha paura di essere distrutta, perché anche se l’umanità decidesse di inondare il nostro pianeta di immondizia materiale o chimico-nucleare, esso si saprà adattare, trasformare ed adeguare.
Non sarà certo l’uomo a decidere il momento della fine della Terra o della sua dissoluzione.
Toccherà a noi esseri umani pensare a non dissolvere noi stessi, quindi dovremo cercare di mantenere la Terra in armonia con la sua natura originale, rispettandola nelle sue richieste. La Terra ci “parla” quotidianamente, ma noi non l’ascoltiamo.
Ecco perché reagisce con terremoti, uragani, maremoti, eruzioni vulcaniche e a volte con virus, questi sono i segnali che ci invia, a causa della sofferenza che noi umani le stiamo procurando.
Questa era, chiamata appunto del Kali – Yuga”, è quella in cui l’umanità vive nella discordia, nell’ignoranza, nell’ipocrisia, nel caos e soprattutto, nell’indifferenza nei confronti della Terra e dei suoi esseri viventi tutti, nessuno escluso…………”
Buonadesso, alla prossima.

Attualità

GIORNATA NAZIONALE DONAZIONE ORGANI, AD AVELLINO ILLUMINATI PALAZZO DELLA PROVINCIA, LA PREFETTURA E LA FONTANA BELLEROFONTE

redazione

Pubblicato

-

11 aprile, Giornata Nazionale della Donazione di organi, tessuti e cellule: una preziosa occasione per portare l’attenzione della cittadinanza tutta su di un tema di tale rilievo umanitario e, quindi, per rammentare a ciascun cittadino la centralità della donazione degli organi, dei tessuti e delle cellule nella cura di patologia severe.

(altro…)

Continua a leggere

Attualità

Emergenza Covid in Irpinia – 99 persone positive in provincia, ecco dove

redazione

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria Locale comunica che, su 1.265 tamponi analizzati, sono risultate positive al COVID 99 persone: (altro…)

Continua a leggere

Attualità

FORMIDABILE SCOPERTA ARCHEOLOGICA NEL TERRITORIO DI ARIANO

Grazia Vallone

Pubblicato

-

Recenti scavi hanno riportato alla luce un sito insediativo di grandissimo valore archeologico nel territorio di Ariano, a ridosso dell’insediamento sannita – romano di Aequum Tuticum, in prossimità dell’area tratturale e della via Francigena. Le trincee di scavo hanno sondato le mura perimetrali di un’estesa villa rustica di circa 1.000 mq, dotata di pars dominica, due torri angolari e ambienti di lavoro per il ricovero degli attrezzi e magazzini intorno ad un’ampia aia chiusa a ridosso di altri ambienti. (altro…)

Continua a leggere

Più letti