Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Il Decreto Rilancio cancella il Sud

Antonio Bianco

Pubblicato

-

Non bastava il Def ora anche il Decreto Rilancio conferma lo scippo di fondi al Mezzogiorno.

Il Fondo Sviluppo e Coesione (FSC) relativo ai residui dei cicli programmatori del 2000-2006, 2007-2013 e 2014-2020, destinato per l’80% alle zone sottosviluppate del Mezzogiorno, con l’avallo dell’U.E. viene utilizzato per fronteggiare l’emergenza Covid-19. In poche parole, tali fondi sosterranno le spese per il rilancio delle Regioni del Nord gravemente colpite dall’emergenza sanitaria. Si toglie ai poveri e si dà ai ricchi, un Robin Hood in salsa padana. A questo si aggiunga che nella clausola del 34% relativa ai fondi in conto capitale per opere da realizzare nel Meridione disciplinati da una legge del 2016, capitolo introdotto nel Def, non sono inseriti i fondi e le Amministrazione che dovrebbero portarle a compimento. Temi, da me trattati, in due precedenti articoli (per visualizzare clicca qui e qui). Né sono bastate le parole del Ministro Provenzano che nel question time del 6 maggio aveva smentito il saccheggio dei fondi destinati al Sud, fatto invece riproposto con il Decreto Rilancio approvato il 13 maggio dal Governo Conte bis. Nessuna pietà per circa 22 milioni di persone residenti nel Sud, private da decenni dei più elementari diritti disciplinati dalla Costituzione e goduti solo dai territori ricchi del Nord. In Italia oggi è applicato il criterio del censo, non basta essere cittadini italiani. In questo quadro così desolante, desta stupore la mancata rivolta dei Parlamentari e dei Presidenti delle Regioni del Sud. Tutti sono annichiliti, incapaci di comprendere la fase storica e l’infausto destino a cui è votata la nostra comunità che, senza il Mezzogiorno, primo mercato economico del Nord, non potrà ripartire ed essere competitiva. Tacciono gli intellettuali, tace lo Svimez, forse temono che potremmo arrivare ad un punto di rottura irreversibile della coesione sociale, con ripercussioni nefaste sull’ordine pubblico? Sono in atto trattative al ribasso a danno del Sud? Domande, per ora, senza risposta. Solo Rifondazione Comunista ed il Partito del Sud, non presenti in Parlamento, hanno messo in atto una campagna mediatica a tutto campo mentre sia i Partiti di maggioranza che di opposizione ignorano il tema e la Questione Meridionale. 

Ormai è chiaro: per ora è stata messa la sordina alla stagione secessionista, allo sterminio silenzioso operato nelle RSA e all’assurda gestione della Sanità lombardo-veneto-emiliana, un tempo Regioni virtuose. Cambia unicamente la modalità di drenaggio delle risorse finanziarie dal Mezzogiorno, carbone di prima qualità da inserire nel forno della presunta locomotiva del Nord. Zingaretti, segretario del PD, elogia i provvedimenti adottati dal Governo e reputa che possano garantire la pace sociale, finge di ignorare la realtà socio-economica del Sud, aggravata dall’emergenza sanitaria che potrebbe compromettere irrimediabilmente l’Unità politica e la coesione Nazionale. Gli apprendisti stregoni non trasformino il nostro Paese in una nuova ex Jugoslavia, non vorremmo svegliarci una mattina e sentir cantare “Bella ciao”.

Attualità

Mentre i vaccini danno i primi risultati, riflessioni, dubbi e domande ci invadono

Federico Barbieri

Pubblicato

-

Sulla rivista Lancet, venerdì 22 maggio, sono stati pubblicati i dati relativi a un potenziale vaccino contro il Sars-Cov-2 (causa della malattia denominata Covid-19). Lo studio è stato effettuato, e continua tuttora, in Cina, da un’azienda biofarmaceutica, la CanSino Biologics. (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Emergenza Covid-19 Stato di agitazione degli infermieri al Pronto Soccorso del Moscati

redazione

Pubblicato

-

Gli infermieri del Moscati di Avellino, hanno proclamato lo stato di agitazione per una serie di motivazioni, tra cui la mancanza di un pre-triage e l’assenza di camere di isolamento. Di seguito il comunicato  del Nursind di Avellino a firma del Segretario Territoriale Romina Iannuzzi:

Valutato il grave sovraffollamento che in questi giorni sta mettendo a serio rischio gli operatori del pronto soccorso (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Gaia è stanca: solo col metodo biodinamico, l’agricoltura torna in sintonia con natura, terra e uomini

Giuseppina Buscaino

Pubblicato

-

Questo virus ci sta dicendo che non può tornare tutto come prima perché è proprio quello che abbiamo fatto prima che ci ha condotto alla situazione che stiamo vivendo. E’ il modo di produrre che è sbagliato perché si produce come se la terra avesse risorse infinite. E stiamo inquinando troppo. Troppa produzione e troppo inquinamento. La società in cui viviamo ci impone uno stile di vita basato sul consumismo, attraverso una pubblicità battente che ci spinge a consumare più del necessario. (altro…)

Continua a leggere

Più letti