Mettiti in comunicazione con noi

Cronaca

Fermati dai carabinieri due pregiudicati rumeni e rimpatriati con foglio di via obbligatorio

Pubblicato

-

Non si ferma la controffensiva posta in essere dai Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino per il contrasto ai reati predatori, in particolare ai furti in abitazione.

I Carabinieri della Compagnia di Ariano Irpino, costantemente impegnati in quella capillare attività di controllo del territorio tesa a garantire sicurezza e rispetto della legalità, hanno posto grande attenzione alla problematica, intensificando i controlli e garantendo la massima presenza di uomini sul territorio, soprattutto durante le ore notturne ed in quelle aree particolarmente colpite dal fenomeno, sia per prevenire i reati predatori che per intervenire con tempestività ed efficacia quando necessario.

Ancora una volta tali sforzi hanno portati i loro frutti: durante l’esecuzione dei servizi di controllo del territorio, militari dell’Aliquota Radiomobile sorprendevano due soggetti, entrambi pregiudicati di nazionalità rumena e domiciliati in un comune della provincia BAT (NdR: Barletta- Andria – Trani), che si aggirano a piedi nei pressi di esercizi pubblici della Città del Tricolle. Immediatamente controllati si accertava che gli stessi erano gravati da numerosi precedenti per reati contro il patrimonio. Pertanto, visto che non riuscivano a fornire alcuna plausibile giustificazione circa la loro presenza in zona, veniva avanzata proposta per l’irrogazione a loro carico della misura di prevenzione del Rimpatrio con Foglio di Via Obbligatorio.

Analogo provvedimento è stato proposto nei confronti di un serbo, residente in provincia di Benevento e gravato da precedenti di polizia, controllato dai Carabinieri della Stazione di Bonito mentre a piedi si aggirava per quel centro.

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

Furto d’acqua ad Ariano, denunciato dai carabinieri

Pubblicato

-

I Carabinieri della Stazione di Ariano Irpino hanno denunciato un uomo della Città del Tricolle, ritenuto responsabile di furto aggravato. Lo stesso aveva trovato il modo per “risparmiare” sulla bolletta dell’acqua.

Il sopralluogo eseguito con l’ausilio di personale specializzato della società fornitrice del servizio idrico, ha permesso di accertare che era stato rimosso il sigillo posto sul contatore dell’abitazione ed effettuato un allaccio abusivo al fine di collegare l’impianto domestico direttamente alla rete pubblica dell’acqua potabile. 

Veniva così guadagnata illecitamente la fornitura di acqua ed eluso il pagamento delle bollette. In considerazione delle evidenze emerse, il 60enne è stato deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Benevento.

Continua a leggere

Attualità

Denunciato 54enne di Ariano per minacce e diffusione di video

Pubblicato

-



A seguito di una mirata ed articolata attività (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Uomo travolto da un’auto, muore sul colpo

Pubblicato

-



È’ successo questa sera in località Cerreto di (altro…)

Continua a leggere

Più letti