Mettiti in comunicazione con noi

Cultura Eventi e Spettacolo

Classicariano appuntamento domenica 27 ottobre 2019 al Museo Civico.

redazione

Pubblicato

-

L’Amministrazione Comunale di Ariano Irpino, con delibera di Giunta n. 210 dell’11.10.2019, ha patrocinato il concerto di “Classicariano” che si terrà domenica 27 ottobre 2019 alle ore 19,15 presso il Museo Civico, a cura della Società Italiana della Musica da Camera.

L’appuntamento è con i “Vienna Symphony Virtuosi”, Christian Low alla tromba, Karl Eichinger al pianoforte e Rudolf Gindlhumer al flauto.

Questo il programma:

Georg Friedrich Handel, Suite in Re Maggiore, HWV 349 (Watermusic)

Franz Joseph Haydin, Sonata in Do Maggiore, HOB XVI/35

Albert Franz Doppler, Fantasia Pastorale hongroise op. 26

Johann Nepomuk Hummel, Trumpet concerto in Mib maggiore

Astor Piazzolla, Cafe 1930 per flauto e pianoforte

Claude Bolling, Suite per flauto e pianoforte

Friedrich Gulda, Play, piano play.

La cittadinanza è invitata a partecipare e l’ingresso è gratuito

Attualità

Il Comitato Gaetano Salvemini e ArianoNews24 hanno incontrato Pino Aprile

redazione

Pubblicato

-

Il Comitato Gaetano Salvemini, rappresentato da Antonio Bianco e ArianoNews24 hanno incontrato Pino Aprile,in una diretta facebook,(questo il link::https://www.facebook.com/arianonews.notizie/videos/989469191483647/),per parlare del suo ultimo Libro “Il Male del Nord”.L’intervista è stata condotta da Antonio Bianco e Floriana Mastandrea. (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Campania Special Olympics-Domani in regione le premiazioni

redazione

Pubblicato

-

Domani, venerdì 3 Luglio alle ore 11,00 presso la “Sala Giunta”dellaRegione Campania in Via Santa Lucia a Napoli alla presenza dell’Assessore Regionale alle Politiche Sociali Lucia Fortini si terrà la cerimonia di premiazione di 35 atleti in rappresentanza dei Team delle Province di Avellino, Benevento e Napoli. (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Francesco Albanese Erreì: La vita è troppo corta per fare quello che dicono gli altri

Carina Carmen Graniero

Pubblicato

-

Un curriculum vitae ricco e variegato per il giovane rapper arianese Francesco Albanese, in arte Erreì. Classe 1991 e una grande passione per la musica rap nata nel periodo adolescenziale, che lo ha fatto approdare in televisione nel 2017, come ospite del programma di Rai Uno, “Storie Vere”.

Dopo il lockdown, molti artisti hanno sofferto per la mancata possibilità di esprimersi musicalmente: abbiamo chiesto a Francesco di parlarci della sua quarantena e del rap.

Francesco, quando e come nasce la tua passione per la musica rap?

Nei primi anni delle superiori, ricordo che ero all’ultimo banco e, mentre gli altri compagni seguivano la lezione, io ascoltavo la base con le cuffie e scrivevo! Non avevo voglia di fare altro, mi interessava solo migliorare la mia scrittura.

Ti fai chiamare Francesco Albanese Erreì, cosa vuol dire Erreì?

Da piccolo i ragazzi del quartiere della Stazione mi chiamavano Rischio, perché ero coraggioso e amavo rischiare, così ho portato quel nome anche nella musica.

Hai scritto un pezzo sulla tua città di origine, Ariano Irpino: da dove è nata l’ispirazione?

Il rap ha (aveva?) lo scopo di dire tutto quello che non viene detto dagli altri! Ricordo che quando ho fatto uscire il pezzo “Ariano Cià“, la gente mi parlava come se avessi scoperto il fuoco, invece erano cose che sapevano tutti ma, magari, solo io ho avuto il coraggio di dire e di alludere a determinati nomi e contraddizioni della nostra città! Se risenti il pezzo oggi, a 4 anni di distanza, noti che tutti i problemi che ho elencato, ancora non sono stati risolti: assurdo!

Che messaggi lanciano le tue canzoni e quale canzone ti rispecchia maggiormente?

Le mie canzoni non lanciano nessun messaggio, raccontano semplicemente la mia vita e i miei sentimenti. Non sono così presuntuoso da sentirmi in dovere di lanciare un messaggio specifico, nemmeno io credo di aver capito come funzionano veramente le cose. Posso solamente dire che nella vita bisogna seguire la propria passione e non fare delle cose solo perché bisogna farle o perché qualcuno ci ha detto di farle. La vita è troppo corta per fare quello che dicono gli altri, la canzone che mi rispecchia maggiormente? Ehm… Deve ancora uscire!

Come hai vissuto musicalmente questo periodo di blocco dovuto al Covid-19, hai scritto qualche canzone? Che messaggio daresti ai giovani dopo la quarantena?

Io… è una vita che sto in quarantena, ma, sinceramente, ho avuto più tempo per scrivere e ho decine di pezzi nuovi pronti. Vediamo quali sceglierò per il nuovo disco! Ai giovani non bisogna dire quello che devono fare perché faranno tutto il contrario, quindi: “Ragazzi fate quello che volete, ma con un pensiero alla vostra famiglia, perché in questo momento storico, dobbiamo essere responsabili!”.

Continua a leggere

Più letti