Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Carmine Grasso ringrazia Vittorio Melito per il suo contributo all’emergenza

redazione

Pubblicato

-

Grazie Giudice Melito

Grazie Vittorio per il fattivo contributo che stai dando alla nostra Comunità in questa fase cosi’ difficile. Sono d’accordo con te ed apprezzo il tentativo dell’Azienda Sanitaria di rendere noti i risultati di alcuni screening e sulle intenzioni di organizzare l’ospedale Frangipane per una seconda fase a partire dal 3 maggio.

Sugli screening devo ribadire che gli unici test, riconosciuti dalla comunità scientifica, in grado di individuare i soggetti infetti sono i tamponi naso-faringei. Mi chiedo e vorrei chiedere, quanti ne sono stati fatti ad Ariano Irpino (zona rossa)? Perché sulle categorie a rischio si fanno test sierologici anziché i tamponi? Perché il pre-triage del pronto soccorso e i giovani medici delle USCA non effettuano tamponi anziché test sierologici che tutti sappiamo che non sono validati e non sono in grado di fare diagnosi di infezione da coronavirus? Perché gli operatori della sanità, benchè ogni giorno esposti a rischio di infezione SARS-Cov2 non vengono sottoposti a tampone naso-faringeo come previsto dalla circolare ministeriale?

Sui test somministrati solo ai dipendenti di determinate Aziende, per quanto di nessun valore scientifico, ho i miei dubbi sulla opportunità di effettuarli da parte della ASL.

Non siamo ancora alla fase 2 dell’ epidemia, e già ci comportiamo come se lo fossimo!

Sulla volontà espressa sui social di far ritornare a breve il Frangipane al funzionamento normale dei vari reparti, sono favorevole e l’ho sostenuto sin dall’inizio del catastrofico evento. L’ospedale di Ariano sia strutturalmente che dal punto di vista della capacità in posti letto ed altri spazi, è in grado di ottenere percorsi separati per pazienti infetti e non, di far funzionare oltre al reparto covid, tutti gli altri anche se in tono ridotto. Sulla necessità di ulteriori spazi per ospitare il DSM non credo che la struttura abbia problemi per ospitare il reparto , già depauperato dei 10 posti letto. Bene per eliminare la zona rossa ma senza mai abbassare la guardia innanzitutto dal punto di vista sanitario. Sulla “zona franca” ed altre iniziative economiche non ci sono dubbi bisogna spingere per completare l’iter iniziato dal Commissario Prefettizio.

Attualità

Emergenza Covid in Irpinia – 31 nuovi casi in provincia, ecco dove

redazione

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 568 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID 31 persone: (altro…)

Continua a leggere

Attualità

IMPRESE: COLDIRETTI, NEL 2020 RECORD GIOVANI IN AGRICOLTURA (+14%)

redazione

Pubblicato

-

In controtendenza rispetto all’andamento generale nel 2020, con la crisi provocata dall’emergenza Covid si registra uno storico balzo del 14% del numero di giovani imprenditori in agricoltura, rispetto a cinque anni fa. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base delle iscrizioni al registro delle Imprese di Unioncamere relative al settembre 2020 che evidenziano una vera corsa alla terra degli under 35 che abbandonano invece le altre attività produttive, dall’industria al commercio. (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Comune – Orari e modalità di accesso agli uffici dell’Area Finanziaria

redazione

Pubblicato

-

Il neo Dirigente dell’Area Finanziaria, dottor Tommaso Infante, avvisa la cittadinanza che, per evitare la (altro…)

Continua a leggere

Più letti