Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

9 maggio 1978 – Aldo Moro e le “convergenze parallele”

Antonio Bianco

Pubblicato

-

Il 9 maggio 1978 segnò lo spartiacque fra ciò che poteva essere e non è diventata l’Italia, un disegno incompiuto con autori anonimi. La morte dello statista Aldo Moro, ucciso dalle brigate rosse, fece tramontare il compromesso storico con il quale si voleva coinvolgere il PCI nel governo del nostro paese, progetto definito da Aldo Moro con l’ossimoro delle “convergenze parallele”, fortemente avversato dalla destra democristiana. Non poteva essere lasciato all’opposizione il PCI, forza popolare votata da circa il 34% del popolo italiano, ormai il Paese era maturo per dare incarichi di governo al Partito Comunista più votato in Europa e fortemente critico nei confronti della politica condotta dall’allora Unione Sovietica. Unione fra diversi con la volontà di raggiungere un obbiettivo comune nell’interesse della comunità, di tutti i cittadini, tutti italiani, nessuno escluso, dalla Valle d’Aosta a Lampedusa. Sogno tramontato non solo per lo sgretolamento dei Partiti ma anche per la sfiducia, ormai dilagante, nei confronti di una politica, fatta di programmi privi di strategia a lungo termine che guardano al particolare e perdono la visione di un’intera comunità. Il passato non ritorna, ne siamo ben consapevoli, ma quel progetto unitario di grande lungimiranza e visione strategica oggi non è solo un sogno ma una chimera nata con la riforma del Titolo V della Costituzione avutasi nel 2001. L’Italia frantumata e disunita delle 20 piccole patrie viene interpretata dai Presidenti delle Regioni che non hanno una visione unitaria e, tutti esasperatamente egocentrici, badano a blindare la propria posizione in vista delle imminenti elezioni. L’uomo forte al comando, che tutto sa e può, che fa dichiarazioni roboanti ma ama i compromessi sotto banco a danno dei cittadini, finge di ripulire ma in realtà mette la polvere sotto il tappeto. Chissà, forse il compromesso storico non avrebbe cambiato la storia italiana ma almeno oggi avremmo avuto una Nazione unita e coesa, pronta alla solidarietà. Un Paese che non lascia nessuno indietro e che considera i 21 milioni di persone affidati alle cure dei Presidenti delle Regioni del Sud, inclusa la Campania, tutti cittadini e non stranieri in Patria. La politica è fatta di sogni e, oggi più che mai, bisogna lottare per la nascita di una comunità che mette al centro la persona umana. Eliminiamo le piccole Patrie e ridiamo centralità alla Costituzione.

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

Altavilla-Avellino e ritorno: odissea di un viaggio infinito, tra tagli e distanziamento

Giuseppina Buscaino

Pubblicato

-

Ogni giorno sono costretta a recarmi da Altavilla ad Avellino in pullman, ma a causa del distanziamento sociale, dopo 14 persone non può salire più nessuno e se si resta a terra, per il prossimo bisogna attendere ben tre ore: vi sembra normale? (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Centro Destra unito per vincere le prossime amministrative

redazione

Pubblicato

-

Il triste momento storico dovuto alle crisi sanitarie ed economiche che stiamo vivendo,richiama l’attenzione alla maggiore responsabilità tra le forze politiche. In quest’ottica lo scorso venerdì 29 maggio si sono riuniti i rappresentanti dei partiti del centro destraarianese quali Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lega e Orizzonti Popolari.
La ritrovata unità nella naturale coalizione dei suddetti partiti, segue la linea delle compagini nazionali e regionali che si oppongono nettamente ai Governi della sinistra presieduti rispettivamente da Giuseppe Conte e Vincenzo De Luca. In vista delle prossime elezioni amministrative ad Ariano Irpino, il nuovo progetto unitario di centro destra si propone di rimanere aperto a tutti i movimenti civici che vorranno cooperare al raggiungimento dell’intento di amministrare la città per i prossimi cinque anni. Seguiranno nelle prossime settimane iniziative tese ad alimentare
il dibattito e raccogliere contributi sugli obiettivi programmatici da sottoporre all’elettorato, le quali precederanno la ponderata scelta del candidato Sindaco. Il nome del candidato alla massima carica cittadina sarà innanzitutto espressione di coesione ma anche di diligenza ed oculatezza nel saper affrontare con serenità e preparazione le difficoltà amministrative dovute al grave momento che la nostra città è chiamata a dover fronteggiare. (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Dov’erano gli alti rappresentanti delle istituzioni regionali quando Ariano era in ginocchio?

redazione

Pubblicato

-

Avrebbero dovuto visitare l’Ospedale di Ariano e la RSA due mesi fa, per capire cosa servisse alla città”, – dichiara Generoso Maraia, deputato del Movimento 5 Stelle che definisce – “De Luca e i Consiglieri regionali che presentano il conto sui test e sulla Zona Franca Urbana, semplicemente ridicoli”. (altro…)

Continua a leggere

Più letti