Mettiti in comunicazione con noi

Cultura Eventi e Spettacolo

“Trionfo di sapori mediterranei delle terre del Cervaro e del Miscano, un progetto per il futuro delle aree interne” , Incontro-Dibattito al Castello Guevara di Savignano Irpino.

redazione

Pubblicato

-

A conclusione dell’omonimo progetto, i comuni aderenti si incontrano per tracciare un bilancio dell’iniziativa.

Il Castello Guevara di Savignano Irpino ospiterà l’Incontro-Dibattito dal titolo “Trionfo di sapori mediterranei delle terre del Cervaro e del Miscano, un progetto per il futuro delle aree interne”, il cui scopo è tracciare un bilancio e delineare le linee future dell’omonimo progetto recentemente conclusosi. L’evento si terrà venerdì 12 dicembre, a partire dalle ore 17,30, nello storico edificio simbolo del Comune di Savignano Irpino, capofila del progetto. Il progetto “Trionfo di sapori mediterranei delle terre del Cervaro e del Miscano”, finanziato nell’ambito del PSR Campania 2007/2013 – Interventi cofinanziati dal FEASR, Piano di Sviluppo Locale del GAL IRPINIA – MISURA 313 “Incentivazione di attività turistiche”,ha visto la partecipazione di sei comuni delle valli del Cervaro e del Miscano: Savignano Irpino (comune capofila), Casalbore, Greci, Montaguto, Montecalvo Irpino e Zungoli. Il progetto è nato per valorizzare i prodotti tipici locali naturalmente legati allo stile di vita tipico della Dieta Mediterranea, che affonda le sue radici non solo nelle aree costiere, ma anche in quelle interne. Pane, salumi, formaggi, pasta, olio, pomodorini sono solo alcuni dei prodotti presenti nelle valli del Cervaro e del Miscano facenti parte del menù tipico della Dieta Mediterranea, la cui conoscenza è stata promossa attraverso laboratori didattici che mirano a favorire l’approccio del turista verso sapori antichi in grado di evocare uno stile di vita a misura d’uomo. Prodotti agroalimentari tradizionali, riconosciuti dal MIPAF e sapientemente elaborati dai custodi della genuina tradizione irpina, sono stati i protagonisti di degustazioni guidate svoltesi nell’ambito di storiche manifestazioni locali che hanno mostrato il bello e il buono di un angolo della regione Campania. Il progetto “Trionfo di sapori mediterranei” ha promosso, anche, la conoscenza della ricchezza naturalistica e culturale delle due valli, non solo attraverso l’organizzazione di eventi, ma grazie alla realizzazione di diverse azioni, tra cui: un’apposita segnaletica per ipovedenti, materiali promozionali, un’audioguida, un portale web dedicato all’intera area oggetto del progetto e un gioco da tavola per bambini pensato per rendere facile e divertente la scoperta dei sapori tipici. In virtù dei positivi risultati raggiunti con il progetto, sia in termini di partecipazione agli eventi, sia in termini di risonanza mediatica ottenuta e di incremento della conoscenza delle aree, l’Amministrazione Comunale di Savignano Irpino, insieme agli altri comuni partecipanti, ha scelto di organizzare questo speciale Incontro-Dibattito in cui incontrare i rappresentanti dei comuni limitrofi, le istituzioni, le associazioni locali e i cittadini al fine di ampliare l’iniziativa e stabilire le basi per un consolidamento della stessa. Ai saluti di Fabio della Marra Scarpone, Sindaco di Savignano Irpino, seguiranno gli interventi di: Raffaele Fabiano, Sindaco di Casalbore; Alfonso Tartaglia, Dirigente UOD Servizio Territoriale Provinciale Avellino; Domenico Gambacorta, Presidente Provincia Avellino; Giovanni Maria Chieffo, Presidente GAL Irpinia; Carmine Famiglietti, Presidente Comunità Montana dell’Ufita; Michele Barbato, Direttore dell’esecuzione e di Giuseppe Ottaiano, Sema sas. Saranno presenti i sindaci dei comuni aderenti al progetto: Donatella Martino, Sindaco di Greci; Vincenzo Germano Iovino, Sindaco di Montaguto; Mirko Iorillo, Sindaco di Montecalvo Irpino; Paolo Caruso, Sindaco di Zungoli. Modera
Annibale Discepolo, Giornalista de Il Mattino di Avellino. Al termine dell’incontro sarà offerto un rinfresco ai partecipanti.

 

 

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

BIOGEM NELL’ELITE DELLA RICERCA – IL VICE-DIRETTORE MICHELE CECCARELLI TRA I TOP SCIENTISTS MONDIALI

redazione

Pubblicato

-

C’è anche il professore Michele Ceccarelli, vice-direttore scientifico di Biogem, nell’élite della ricerca mondiale. A (altro…)

Continua a leggere

Attualità

COVID; SCUOLA, GIALANELLA(MOVIMENTI PRO DAD): INSISTERE SUL RIENTRO IN CLASSE SIGNIFICA ESPORRE I BAMBINI PIÙ INDIFESI

redazione

Pubblicato

-

“Istituzioni avrebbero dovuto attendere fino al 18 gennaio e poi decidere il rientro, garantendo azioni concrete di tutela e una adeguata messa in sicurezza”.

Napoli, 10 gen – “La protesta dei tre giorni di assenza per l’11, il 12 e 13 gennaio lanciata in Campania dal gruppo Facebook ‘Tuteliamo i nostri figli, scuole chiuse in Campania’ sta avendo eco nazionale. E’ un atto di richiesta di assunzione di responsabilità rispetto a chi decide per la vita e per la salute altrui. Non è stato chiesto un assenteismo ad oltranza, perché non è nostra intenzione usare i nostri figli come oggetto di una trattava che ormai ha assunto toni e contorni grotteschi.” Così Lia Gialanella, fondatrice del Gruppo FB tuteliamo i nostri figli, scuole chiuse in Campania’.

“Il concetto che portiamo avanti – aggiunge Gialanella – è semplice: primum vivere deinde philosophari e ci lascia molto perplessi e scoraggiati questa battaglia politica che continua pendere sull’enorme indotto che rappresenta la scuola. Insistere sull’ingresso delle classi dei minori e più che minori è un voler esporre a tutti i costi i più indifesi. Il gruppo ‘Tuteliamo i nostri figli, scuole chiuse in Campania’ è nato per caso, senza alcun immaginario di prospettiva di crescita esponenziale, come quella concretizzatasi sin dai primi giorni. Il gruppo oggi conta 27mila iscritti, da qui l’esigenza di affiliare sottogruppi locali, per attuare un osservatorio realistico dei contagi nelle scuole dei comuni campani.”

“La scelta di questi tre giorni di assenza – spiega – è un atto dovuto di responsabilità e di tutela che ogni genitore dovrebbe considerare per i propri figli. Questi tre giorni consentono di arrivare più vicino alla deadline dei bollettini dei contagi sviluppatisi dopo Capodanno. Non dovevamo arrivare noi a queste considerazioni, le istituzioni avrebbero dovuto attendere almeno fino al 18 e poi farci ritornare, garantendoci, in base ai dati dell’indice RT e azioni concrete di tutela, una messa in sicurezza che, ad oggi, nessuno è stato in grado pianificare seriamente. I morti e i contagi in Italia parlano da soli se consideriamo i ricoveri in crescita, presso il Santobono di Napoli, di bambini affetti da sindrome postcovid, mi chiedo davvero – chiude Gialanella – quale reale interesse vi sia sui nostri figli.” (altro…)

Continua a leggere

Attualità

ORGOGLIOSAMENTE IRPINI. STORIE DI RISCATTO E FUTURO

redazione

Pubblicato

-

Domenica 10 gennaio, alle ore 17, si terrà il (altro…)

Continua a leggere

Più letti