Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Emergenza Covid-19 Quale efficienza e tamponi? Ora, o si fa l’Italia o si muore!

Floriana Mastandrea

Pubblicato

-

Quale allegria se non riesco neanche più a immaginarti, senza sapere se volare, se strisciare, insomma non so più dove cercarti”, cantava Lucio Dalla in una magnifica canzone di quelle suggestive e senza tempo. Ebbene, oggi possiamo dire di trovarci esattamente in quella condizione: non sapere più dove cercare, a chi rivolgerci, come fare per vedere i nostri più elementari diritti preservati e soprattutto, realizzati. La questione paradossale, in questo drammatico momento di smarrimento, è che su tutte predomina un’incertezza: il diritto alla salute, quel diritto fondamentale cioè, tutelato dalla nostra Costituzione. L’art. 32 recita che: “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti”. Oggi quel diritto ci sembra negato e non ci vengano a proclamare che tutto va bene, che tutto è sotto controllo, quando i fatti dicono ben altro: al Frangipane non ci sono più posti per i ricoveri da Coronavirus, dai social si moltiplicano ogni giorno le richieste di aiuto e se qualcuno è un po’ più capace o fortunato e riesce a trovare canali preferenziali, magari informando gli operatori della comunicazione, ecco che smette improvvisamente la lunga attesa e come per incanto, si vede finalmente praticare il tampone. E chi questi canali non li può raggiungere, è giusto che resti indietro? È pur vero che quest’emergenza ci ha colti tutti di sorpresa, lo riconosciamo, ma è lecito attendersi da coloro che hanno responsabilità di gestione e che per questo percepiscono lauti compensi, soluzioni: sono stati chiamati a svolgere questi ruoli. Se da soli non sono in grado, perché non chiedere aiuto a chi ha maggior esperienza o è formato ad hoc in quei settori? Forse una maggior umiltà da parte dei vertici istituzionali, aiuterebbe tutti a raggiungere lo scopo, ovvero la cura di chi ha bisogno e in questo momento, c’è un ‘intera popolazione lasciata pressoché allo sbando. I medici e i paramedici, sottodimensionati e in prima linea, siamogliene eternamente grati, stanno facendo quel che possono, talvolta anche di più, privi delle strutture e di dispositivi di sicurezza personale, rischiando ogni giorno la vita per curarci. Tornando ai vertici di Regione e ASL, raccogliamo e inoltriamo, tra i numerosi appelli individuati, il grido di dolore di Maria Elena Lanzafame, conterranea che vive a Vancouver in Canada, che rivolgendosi al governatore De Luca, racconta l’odissea dei suoi genitori, chiusi nella zona rossa di Ariano e con grossi problemi di salute (n.d.a.: suo padre è stato uno stimato primario cardiologo presso il nosocomio arianese), e gli chiede se davvero sia convinto che isolando una cittadina, si sconfigga la pandemia. A seguire, quello di Giuseppe Guardabascio, un ex calciatore, che da giorni chiede aiuto attraverso Facebook perché gli venga effettuato il tampone.

Maria Elena Lanzafame: sono indignata e disperata, la politica lasci posto all’umanità

Dottor De Luca,
Sono una cittadina di Ariano Irpino ormai da anni trapiantata in Canada e cittadina canadese da due anni. Posso dirle innanzitutto e non credo lo sapesse ancora che il suo modo diretto e risoluto di gestire la situazione di “lockdown”come lo chiamano qui, è risuonata anche nelle pagine e nei profili social di molti Canadesi che quasi anelano ad avere un simil Giustiziere della notte come lei… Diretto nello stile e spietato nei modi…Vorrei altresì informarla di una situazione che non credo conosca, ma che accade nella regione posta sotto la sua giurisdizione di Presidente.
Guardo a distanza ravvicinata la situazione di Ariano Irpino, che lei ha posto in quarantena fino al 14 aprile e dove io ho familiari anziani con situazioni estremamente preoccupanti. Mio padre, ex primario Medico in pensione 85enne recentemente reduce da un’operazione cardiaca e sofferente di altre patologie, mia madre 84enne con problemi cronici di salute con figlio affetto da sindrome down totalmente non autosufficiente e dipendente in tutto e per tutto da lei.
Nella stessa palazzina, i miei genitori condividono la casa con una anziana zia 83enne reduce da un ricovero ospedaliero al Frangipane per problemi cronici di respirazione che sono stati curati in parte prima dell’abbattersi del flagello Covid-19.
Mia madre dal 20 marzo ha cominciato ad avere febbre e per due giorni ha avuto febbre a 38 con forti dolori articolari e fenomeni di vomito e diarrea. La situazione è andata deteriorandosi poiché, anche se la febbre è scomparsa la situazione gastrica non le ha consentito di alimentarsi arrivando a una situazione di disidratazione e di astenia importante. Il medico curante è stato informato anche se non ha potuto fare granché nella situazione e quindi, grazie all’ intervento di mio padre medico e di mio fratello medico a Loreto An si è deciso di procedere all’ ospedalizzazione. Attivandoci col pronto soccorso dell’Asl di Ariano, purtroppo non è stato possibile accedere all’ ospedale per la lunga linea di ambulanze che aspettavano di poter accedere in sicurezza al punto ospedaliero. La giornata sarebbe passata in attesa e mia madre che si contorceva dai dolori, non era in grado di sopportarlo così abbiamo fatto dietro front e abbiamo deciso di rimandare l’ ospedalizzazione. Mio fratello e mio padre si sono confrontati per iniziare a casa una terapia cortisonica e flebo di supporto per aiutare la reidratazione .Con difficoltà, ma grazie all’aiuto di conoscenti e persone amiche, siamo riusciti a trovare un infermiere, santo ragazzo, che è venuto a casa per somministrare le flebo a mia madre… Mia madre dopo un primo accenno di ripresa forse legato alla sferzata del cortisone, è ripiombata nuovamente nella situazione di astenia e disturbo gastrico, che le impedisce di alimentarsi. Ora il medico curante ha attivato una procedura per richiedere il tampone per Covid-19 e anche se i sintomi non sono quelli comunemente riscontrati nelle infezioni da Covid-19, si teme il peggio. Il mio è un appello disperato: la situazione sta sfuggendo di mano e come i miei genitori, ci sono tante altre situazioni di persone non curate e lasciate morire senza assistenza di nessun genere, senza poter avere un barlume di conforto da terapie minime di sostentamento, come alimentazione parenterale, monitoraggio della situazione e gestione dei sintomi, quando questi non siano riconducibili al Covid- 19. La Sanità in Ariano è al collasso, sicuramente come in altre parti d’Italia ma non posso pensare che lei signor De Luca, possa aver chiuso la città senza mettere in sicurezza i cittadini al suo interno. È vero che le misure debbano essere restrittive, ma la cortina di ferro che lei ha creato serve a sbarazzarsi di tutti gli Arianesi chiudendoli nel cerchio della morte? È forse così che si sconfiggerà il virus in Campania?
Sono indignata, ma ancora di più sono disperata, perché grazie allo scenario che lei ha creato ad Ariano, isolandola e non garantendo la sicurezza dell’ospedale e dei presidi di cura e assistenza sanitaria minima. I miei genitori stanno finendo i loro giorni nel peggiore dei modi, nell’angoscia nel terrore e nella disperazione e come loro non voglio neanche immaginare quanti altri Arianesi stiano soffrendo le pene dell’inferno. La invito a prendere in considerazione una mobilitazione seria ed efficace, che sia di aiuto alla popolazione arianese, dove la politica lascia il posto all’umanità e dove ci sia rapidità e presa di coscienza immediata delle condizioni di salute sul territorio. Lei, signor De Luca, tutte queste persone le avrà sulla coscienza e più ne saranno, più le peseranno. Spero che Dio l’assista, il suo non è un compito facile, ma è adesso che si fa l’Italia o si muore!
Ariano sta morendo dentro le sue mura: non la seppellisca nella polvere da viva!
Mi scuso per la mia franchezza ma credo sia l’unico modo per farle arrivare la mia richiesta disperata di Aiuto, un grido di dolore che parte dal Canada!
Grazie

Giuseppe Guardabascio: ho chiamato persino i Carabinieri ma nessuno è venuto

Assurdo! Nemmeno oggi vengono a farmi il tampone… inizialmente mi hanno detto di stare chiuso nella stanza fino a quando sarebbero venuti, senza darmi una data precisa… mi sono arrabbiato come una bestia e si sono ripresi per l’ennesima volta i dati, dicendo che verranno domani, poi si sono giustificati dicendo che oggi non faranno tamponi a nessuno perché non ci sono e perché l’Asl ieri sera aveva comunicato di non farli oggi… insomma non sapevano che dire!
Ho avuto la febbre dal 6 al 10 marzo, poi di nuovo dal 13 al 18 e la seconda volta, è stata devastante… ho dormito per due giorni, non riuscivo a tenere gli occhi aperti, poi ho cominciato ad avere difficoltà a respirare con dolori al petto, infine perdita di gusto e olfatto che ancora non recupero. Ho chiamato tutti i numeri indicati: quello nazionale, quello regionale, il medico di base, numero Asl, il 118 e infine, anche i carabinieri… non si è fatto vedere nessuno e non mi ha chiamato nessuno fino ad oggi. L’unica cosa che chiedevano era se avessi crisi respiratorie importanti, siccome avevo “solo” difficoltà a respirare, hanno ritenuto opportuno non fare nulla!!! Sono rinchiuso in una cameretta da più di 10 giorni, l’unica cosa che mi hanno detto di fare senza sapere se sono positivo o negativo, per il resto abbandono totale! Ho provato a sentire pareri di diversi medici, ho fatto ricerche su siti attendibili, purtroppo non c’è chiarezza… informazioni contrastanti, chi dice che si è contagiosi per 14 giorni dalla manifestazione dei sintomi, chi dice che lo si è anche dopo la scomparsa dei sintomi… insomma ci si ritrova in balia delle onde, una cosa però l’ho capita: bisogna fare i tamponi a tutti! Io sono stato coscienzioso e mi sono isolato senza sapere di essere o meno positivo, ma ci sono tante persone asintomatiche che vanno in giro a contagiare gli altri senza saperlo! Poi ci meravigliamo dei numeri impressionanti di morti e contagiati, che ogni giorno travolgono gli Italiani… Continuiamo a cantare dai balconi e a scrivere che ce la faremo, con la disorganizzazione degli ospedali e l’assenza totale dello Stato, la vedo molto dura… per uscire da questo incubo ci vuole solo la dittatura come in Cina!”

Attualità

Emergenza Covid in Irpinia-115 persone positive in provincia,6 casi ad Ariano

redazione

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 1.554 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID 115 persone:
– 3, residenti nel comune di Aiello del Sabato;
– 1, residente nel comune di Aquilonia;
– 6, residenti nel comune di Ariano Irpino;
– 2, residenti nel comune di Atripalda;
– 7, residenti nel comune di Avella;
– 12, residenti nel comune di Avellino;
– 4, residenti nel comune di Baiano;
– 1, residente nel comune di Candida;
– 1, residente nel comune di Capriglia Irpina;
– 1, residente nel comune di Cervinara;
– 1, residente nel comune di Cesinali;
– 1, residente nel comune di Forino;
– 2, residenti nel comune di Frigento;
– 8, residenti nel comune di Grottaminarda;
– 2, residenti nel comune di Lioni;
– 4, residenti nel comune di Manocalzati;
– 3, residenti nel comune di Mirabella Eclano;
– 6, residenti nel comune di Montecalvo Irpino;
– 3, residente nel comune di Monteforte Irpino;
– 1, residente nel comune di Montella;
– 1, residente nel comune di Montemarano;
– 3, residenti nel comune di Monteverde;
– 7, residenti nel comune di Montoro;
– 3, residenti nel comune di Moschiano;
– 3, residenti nel comune di Mugnano del Cardinale;
– 2, residenti nel comune di Pietradefusi;
– 3, residenti nel comune di Prata PU;
– 5, residenti nel comune di Quadrelle;
– 1, residente nel comune di Roccabascerana;
– 2, residenti nel comune di San Martino Valle Caudina;
– 1, residente nel comune di San Michele di Serino;
– 1, residente nel comune di San Sossio Baronia;
– 2, residenti nel comune di Santo Stefano del Sole;
– 1, residente nel comune di Savignano Irpino;
– 2, residenti nel comune di Senerchia;
– 1, residente nel comune di Serino;
– 1, residente nel comune di Sirignano;
– 8, residenti nel comune di Solofra;
– 1, residente nel comune di Taurano.
L’Azienda Sanitaria Locale ha avviato indagine epidemiologica sui contatti dei casi positivi.

Continua a leggere

Attualità

Giusta la protesta dei commercianti: la casta batta un colpo, mancano i ristori

Antonio Bianco

Pubblicato

-

Le scene di protesta dei ristoratori, commercianti e ambulanti attuate in Italia mostrano, ancor di più, l’inadeguatezza degli interventi economici dello Stato. I manifestanti hanno tenuto sotto assedio Montecitorio, protetta da un imponente cordone di polizia in tenuta antisommossa. Non si può rimanere indifferenti di fronte a scene che mostrano famiglie, anziani, giovani stanchi delle promesse non mantenute, dei ristori annunciati dall’attuale e dal precedente governo pervenuti con estrema lentezza. Non basta deliberare con il DPCM oppure con decreti legge per rendere operativi i ristori, occorre che siano varati i decreti attuativi tutt’ora mancanti e di là da venire. Senza i denari scatta la rivolta sociale, più volte i servizi segreti hanno dato l’allarme, la sofferenza sociale si è acuita per la mancanza di lavoro ed è resa ancora più cruda dalla pandemia. I commercianti non vivono d’aria, non si spengono come l’interruttore dell’illuminazione domestica, hanno la necessità di liquidità, spesso negata dalle banche e complicata dallo Stato con provvedimenti tardivi messi in campo dalla burocrazia lenta e macchinosa. Queste condizioni favoriscono la criminalità organizzata che offre prestiti immediati a tassi usurari finalizzati a sottrarre le imprese ai legittimi proprietari, spesso usate per il riciclaggio dei proventi illeciti. Il governo di unità nazionale, se vuole garantire la pace sociale, deve mettere in campo tutti gli strumenti giuridici e finanziari che assicurino la continuità del vivere civile di chi ha perso il lavoro per la chiusura delle imprese commerciali. Il Recovery Fund è una ghiotta occasione e non va sprecata, il Centro-Nord ne ha bisogno mentre è vitale per il Sud al fine di creare i 3 milioni di posti di lavoro necessari per mettere in moto il motore economico di questa area, oggi, la più povera dell’intera Eurozona. I tempi sono brevi, entro aprile vanno presentati i progetti ed il cronoprogramma di esecuzione dei lavori all’Europa per ricevere la prima tranche di finanziamenti. Ora o mai più vi sono le condizioni per far rinascere la coesione nazionale e dare la speranza a 20 milioni di Meridionali di essere cittadini italiani.

Continua a leggere

Attualità

GIORNATA NAZIONALE DONAZIONE ORGANI, AD AVELLINO ILLUMINATI PALAZZO DELLA PROVINCIA, LA PREFETTURA E LA FONTANA BELLEROFONTE

redazione

Pubblicato

-

11 aprile, Giornata Nazionale della Donazione di organi, tessuti e cellule: una preziosa occasione per portare l’attenzione della cittadinanza tutta su di un tema di tale rilievo umanitario e, quindi, per rammentare a ciascun cittadino la centralità della donazione degli organi, dei tessuti e delle cellule nella cura di patologia severe.

(altro…)

Continua a leggere

Più letti