Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Emergenza Covid-19 Il Virus c’era

Federico Barbieri

Pubblicato

-

Il Policlinico di Milano ha effettuato uno studio sui donatori di sangue al fine di cercare la presenza di anticorpi al virus SARS-Cov-2. Ebbene, il virus era presente da diverse settimane prima del 21 febbraio.

In effetti a inizio epidemia 1 donatore su 20 (il 4,6%) aveva sviluppato gli anticorpi. Ad aprile la percentuale era salita al 7,1%.

Il distanziamento sociale ha aiutato soprattutto i più giovani, a quanto pare, a sviluppare un’immunità a lungo termine. Questo conferma che nell’area metropolitana era presente un sommerso di persone contagiate già prima che si conclamasse la malattia. ‘’Il primo studio sierologico su persone asintomatiche che ci dice chiaramente che siamo ben lontani dall’immunità di gregge“, spiega Daniele Prati, uno dei coordinatori dello studio. I ricercatori hanno esaminato circa 800 donatori di sangue sani presentatisi al Policlinico tra il 24 febbraio e l’8 aprile.

Lo scopo dello studio: cercare la presenza dell’infezione da SARS-CoV-2 negli adulti asintomatici in un’area tra le più colpite, raccogliere più elementi utili a comprendere i fattori di rischio. Nei dettagli, in tutti i donatori ‘’positivi al virus’’, si sono verificate alterazioni nella conta delle cellule del sangue e nel profilo lipidico, indizi che possono inquadrare meglio le persone asintomatiche, che, va ricordato, sono contagiose pur senza sintomi.

A Parma, un primo caso di isolamento ha visto un lattante di 7 settimane contagiato dal SarsCov-2. Il relativo campione naso-faringeo del lattante è stato consegnato in laboratorio il 26 febbraio. Pertanto il nuovo virus era presente nella popolazione pediatrica e non è soltanto un’ipotesi che la circolazione del covid nei bambini è spesso misconosciuta. Lo studio effettuato dal Dr. Bacco e i suoi colleghi, al quale Arianonews ha dato risalto, ha fatto da apripista sebbene non opportunamente valutato.

Al Sud, in Campania quindi, non abbiamo assistito allo ‘’spettacolo’’ del Nord, della Lombardia, offerto dai media, per le ragioni espresse nello studio: il clima, il numero inferiore di centri di densità abitativa, le indicazioni sanitarie dei centri specializzati e capaci di affrontare la pandemia. Ultime ma non ultime, le restrizioni deliberate. Sebbene alcune realtà sanitarie, ospedaliere, hanno ripetuto quanto verificatosi nel Nord, in Lombardia in particolare. Le non verità sui fatti, leggerezza e inadeguatezza delle scelte operative, hanno ‘’unificato’’ la Nazione. Simile è stata la corsa alla creazione di reparti antiCovid trascurando la formazione del personale sanitario, simile l’assenza della Medicina territoriale e la svalutazione della funzione del Medico di Medicina Generale; la solidarietà tipicamente Italiana che si è sostituita, in tanti casi, alle lacune delle Autorità preposte nel fornire contributi in denaro per acquistare dispositivi di protezione. La fotografia di una Nazione impreparata e incapace di lasciare da parte i gossip, i selfie, e dotare il territorio di organizzate modalità di salvaguardia sanitaria.

La spinta al ‘’liberi tutti’’ mostra l’incapacità di alcuni a comprendere, dopo 4 mesi, il problema contagio; Governatori che minacciano di richiudere le Regioni appena aperte; pseudo politici che sui media minacciano ruggiti e in Senato belano temendo di diventare agnelli sacrificali.

In Sicilia, la Guardia di Finanza ha svelato un intreccio perverso su un sistema che avrebbe consentito di pilotare appalti nella Sanità per il valore di circa 600 milioni di euro, arrestando 10 persone. Il virus SARS-Covid-2 c’era, dunque. Il virus della disonestà pure.

Ce la faremo?

Attualità

Altavilla-Avellino e ritorno: odissea di un viaggio infinito, tra tagli e distanziamento

Giuseppina Buscaino

Pubblicato

-

Ogni giorno sono costretta a recarmi da Altavilla ad Avellino in pullman, ma a causa del distanziamento sociale, dopo 14 persone non può salire più nessuno e se si resta a terra, per il prossimo bisogna attendere ben tre ore: vi sembra normale? (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Centro Destra unito per vincere le prossime amministrative

redazione

Pubblicato

-

Il triste momento storico dovuto alle crisi sanitarie ed economiche che stiamo vivendo,richiama l’attenzione alla maggiore responsabilità tra le forze politiche. In quest’ottica lo scorso venerdì 29 maggio si sono riuniti i rappresentanti dei partiti del centro destraarianese quali Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lega e Orizzonti Popolari.
La ritrovata unità nella naturale coalizione dei suddetti partiti, segue la linea delle compagini nazionali e regionali che si oppongono nettamente ai Governi della sinistra presieduti rispettivamente da Giuseppe Conte e Vincenzo De Luca. In vista delle prossime elezioni amministrative ad Ariano Irpino, il nuovo progetto unitario di centro destra si propone di rimanere aperto a tutti i movimenti civici che vorranno cooperare al raggiungimento dell’intento di amministrare la città per i prossimi cinque anni. Seguiranno nelle prossime settimane iniziative tese ad alimentare
il dibattito e raccogliere contributi sugli obiettivi programmatici da sottoporre all’elettorato, le quali precederanno la ponderata scelta del candidato Sindaco. Il nome del candidato alla massima carica cittadina sarà innanzitutto espressione di coesione ma anche di diligenza ed oculatezza nel saper affrontare con serenità e preparazione le difficoltà amministrative dovute al grave momento che la nostra città è chiamata a dover fronteggiare. (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Dov’erano gli alti rappresentanti delle istituzioni regionali quando Ariano era in ginocchio?

redazione

Pubblicato

-

Avrebbero dovuto visitare l’Ospedale di Ariano e la RSA due mesi fa, per capire cosa servisse alla città”, – dichiara Generoso Maraia, deputato del Movimento 5 Stelle che definisce – “De Luca e i Consiglieri regionali che presentano il conto sui test e sulla Zona Franca Urbana, semplicemente ridicoli”. (altro…)

Continua a leggere

Più letti